Presentazione della rivista Reggio Storia 164

Stampa articolo Stampa articolo

Arriva in edicola e in libreria il nuovo numero 164 del trimestrale Reggio Storia, periodico della Società Reggiana di Studi Storici che vanta ben 41 anni di ininterrotta pubblicazione.

Il nuovo numero contiene come di consueto molti articoli che spaziano tra periodi e argomenti della
storia reggiana.
Antonio Petrucci presenta su questo numero la prima parte di uno studio su Giuditta Sidoli, Paolo
Luosi e Anna Maria Vinsani parlano delle monete nel Ducati estense e Gabriele Fabbrici continua la
sua serie di articoli sulle armi della fine del XV secolo con una disamina delle armi da fuoco e a corda.
Mariachiara Bianchi, curatrice delle collezioni del Museo Glauco Lombardi di Parma, presenta una
inedita amicizia di Antonio Fontanesi con Gerolamo Cairati e di Fontanesi scrive anche Maria
Giuseppina Bo presentando una ricerca sulle carte del Liceo artistico Chierici di cui il pittore fu giovane
allievo. Marco Montipò presenta un accurato studio sui reggiani presenti nell’impresa di Fiume e Saverio
Maccagnani continua la sua corposa ricerca, giunta alla undicesima puntata, sui ricoveri antiaerei nel
reggiano dal 1943 al 1945. Giuliano Bagnoli nelle sue pagine dedicate al dialetto reggiano presenta Bèsi e ròba: la sicurezza per vivere sereni? e Fabrizio Anceschi prosegue la seguitissima serie delle Strade reggiane che ha finora presentato 536 pagine di accuratissime biografie e racconti arricchite da immagini e documenti. Concludono il numero le consuete rubriche Ritratto di una scrittrice con l’intervista a Dunia Maria Pomati, Musicisti reggiani in attività che incontra Gianfranco Boretti.
La presentazione del numero 164 si terrà martedì 22 ottobre alle ore 18 nella Sala del Capitano del
Popolo dell’Hotel Posta in Piazza del Monte 2 a Reggio Emilia con interventi di Fabio Cocconcelli,
direttore, e Angela Chiapponi, coordinatrice della redazione.
Seguiranno Antonio Petrucci con Giuditta Sidoli Una vita in esilio e Mariachiara Bianchi con Un “amico
carissimo” di Antonio Fontanesi: Gerolamo Cairati.

 

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura

Lascia un commento