Il mio rapporto con Maria

Stampa articolo Stampa articolo

Continua la nostra intervista al vescovo Camisasca. La preghiera ricorrente alla Vergine in Ghiara,la guarigione di Marchino, la strada della fede

(La prima parte dell’intervista è su La Libertà del 9 ottobre)

Nel combattimento spirituale con il diavolo, qual è il ruolo di Maria e come possiamo riconoscerlo?
Il ruolo di Maria è fondamentale. Come ci rivela l’Apocalisse, il demonio, non potendo combattere direttamente Dio e suo Figlio, ha tentato l’assalto a Maria e lo ripropone in ogni tempo, nel corpo di Cristo che è la Chiesa. Assale Maria perché ella è l’icona e la Madre della Chiesa, generando divisioni, confusioni, disorientamento. Il Signore Gesù, attraverso la sua morte e resurrezione, ci ha assicurato che la vittoria è già avvenuta, ma questa vittoria deve compiersi in noi. “Compio ciò che manca”, scriveva san Paolo. Il compimento avviene attraverso la fede, riconoscendo la superiorità di Cristo sul male e accogliendo la grazia di Cristo attraverso la preghiera e i sacramenti. Essi sradicano da noi le radici del male e, per l’intercessione dei santi, e in particolar modo di Maria, combattono il male nel cuore di tutti gli uomini e dei popoli.

Quali tratti della maternità di Maria ci svela il miracolo di Reggio del 29 aprile 1596?
La guarigione di Marchino è per me un passaggio molto importante nel mio attaccamento a Maria. Cerchiamo di immedesimarci in quello che è accaduto. Marchino era sordomuto: in lui non potevano essersi sedimentati racconti dei familiari a riguardo di Maria. Piuttosto, il ragazzo aveva vissuto l’esperienza dell’abbandono. Vedendo quell’immagine, in lui era nato il pensiero che quella potesse essere sua madre. 

Continua a leggere tutta l’intervista di Edoardo Tincani al vescovo Massimo su La Libertà del 16 ottobre

 

Pubblicato in Articoli, Slide, Vita diocesana

Lascia un commento