Va e benedice il Papa

Stampa articolo Stampa articolo

In una calda ma bellissima mattinata di settembre mi trovavo a Roma sul sagrato di piazza San Pietro, per partecipare all’udienza del Papa. Ero in carrozzella, perché fatico molto a camminare. Per grazia di Dio mi sono trovata molto vicino al palco del Papa e ho pensato di approfittarne.

Non volevo fare cose scorrette, perciò ho chiamato una guardia vaticana e le ho chiesto se potevo dare un bacio al Papa; insomma io non volevo essere lì per niente, per cui ho anche chiesto se potevo parlare con il Papa. La guardia mi ha risposto che potevo, ma dovevo chiederlo a lui, poi ha aggiunto che tanto, per l’emozione, quando arrivava il Papa non mi sarei ricordata più niente. In quel momento dentro di me è scattato l’orgoglio di appartenere a una comunità e ho pensato: “Questo non conosce Salvaterra e come sono le persone di Salvaterra”.

Leggi tutto l’articolo su La Libertà del 9 ottobre

Posso anch’io benedire?

Anna, piena di gioia, mi racconta al telefono la straordinaria esperienza vissuta a Roma. è talmente bella che ne parlo con un’amica che, assai stupita, subito mi chiede: “Un fedele laico può benedire?”. Comincio allora a pensare a cosa è una “benedizione”, perché voglio arrivare a essere certa di chi può darla.

La parola “benedire” deriva dal latino “benedicere”, che significa “dire bene”. Se riflettiamo su come è la nostra vita, vediamo che è immersa nel mondo creato ed è costellata di relazioni con le persone. Ma non si può ignorare quella straordinaria presenza che è Dio, col quale, coscienti o no, viviamo in uno strettissimo legame.
Nella prima pagina della Genesi, si narra la creazione: il protagonista è Lui che nelle varie tappe del suo lavoro “dice bene” di ciò che ha creato. “Dio vide che era cosa buona”.
Alla fine Dio crea l’uomo “a sua immagine”, “maschio e femmina li creò”. “Dio li benedisse” e assegnò loro il compito di essere fecondi e popolare la terra, di dominare ogni animale e cosa creata. E alla fine “Dio vide quanto aveva fatto, ed ecco, era cosa molto buona”.
Nella Scrittura è evidente che la benedizione ha inizio da Dio creatore.

Continua a leggere l’articolo di Maria Morini su La Libertà del 9 ottobre

Pubblicato in Articoli, Vita diocesana

Lascia un commento