Baiso e Viano con un unico parroco

Stampa articolo Stampa articolo

Clima di gioia e serenità nella liturgia per l’ingresso di don Giovanni Rivi

Una liturgia abitata e promossa da un’assemblea festosa quella di sabato 21 settembre nella bella chiesa di San Lorenzo in Baiso, illuminata a festa. Preparati dalla lettura dei contenuti della lettera di papa Francesco sulla missione dei sacerdoti, letta durante le celebrazioni delle prime domeniche di settembre, i fedeli, più numerosi del previsto, con le parole di saluto dei sindaci di Baiso e Viano, hanno augurato e promesso collaborazione a don Giovanni Rivi perché il prezioso servizio di carità e di comunione fra la popolazione possa continuare con lo stesso entusiasmo dei parroci che lo hanno preceduto.

Il canto dei cori di Baiso, Viano, San Giovanni e San Pietro è stato il primo e felice collaudo della collaborazione dell’erigenda unità pastorale. La lettura della nomina da parte del Vescovo ha indicato, nella preziosa esperienza maturata da don Giovanni nel servizio della popolosa parrocchia della Magliana e poi nelle parrocchie di Ligonchio, di Campegine e di Caprara, poi di nuovo in montagna a Busana e Collagna per essere poi chiamato a iniziare l’unità pastorale di Canali-Fogliano, l’augurio e la garanzia del futuro lavoro pastorale che lo attende nell’iniziare la nuova unità pastorale.
La consegna del lezionario, gli olii per la vita sacramentale, la stola violacea e soprattutto l’affido della popolazione delle otto parrocchie di Baiso, Viano, San Giovanni di Querciola, Castello Querciola, San Pietro di Querciola, Rondinara, San Romano e Visignolo, più di 6.500 anime, ha tenuto attenti e raccolti gli oltre 350 fedeli presenti in chiesa per gioire poi nell’abbraccio di don Giovanni con i confratelli di sacerdozio e con tutti i presenti.

Leggi tutto l’articolo su La Libertà del 2 ottobre

Pubblicato in Articoli, Vita diocesana

Lascia un commento