Guastalla, successo per l’edizione 2019 di “Piante e Animali perduti”

Stampa articolo Stampa articolo

Complice il bel tempo, la XXIII edizione di Piante e Animali Perduti”, uno degli eventi italiani di maggior richiamo, dedicati alla difesa dell’ambiente e della biodiversità, in programma a Guastalla nel week end si è chiusa con un bilancio più che positivo.

I tanti appassionati, provenienti da diverse regioni italiane, si sono dati appuntamento nell’antica capitale dei Gonzaga per la due giorni dedicata al verde, all’enogastronomia d’eccellenza e all’artigianato di qualità occupando pacificamente le piazze, le vie, gli stand, i bar, i ristoranti e i punti ristoro.

Il successo della manifestazione, organizzata, per la cura dell’architetto Vitaliano Biondi, dall’Associazione Guastallese Gemellaggi ed Eventi e dal Comune di Guastalla, è sottolineato dalle presenze registrate che, nel complesso, sono state oltre 40mila con 27mila paganti. Senza contare che a Piante e Animali Perduti sono entrati gratuitamente tutti i residenti nel Comune di Guastalla, i bambini di altezza inferiore a 1 metro, i militari e le forze dell’ordine, i diversamente abili con accompagnatore.

Inoltre, l’edizione 2019 ha  confermato il  numero degli espositori tra vivai, gastronomie, alto artigianato e mercatino vintage che si  è attestato intorno ai 500 stand.

La manifestazione, si conferma, dunque, come un evento molto atteso, capace di abbracciare gli interessi e le curiosità di pubblici diversi e di stimolarne nuovi.

Soddisfazione da parte del sindaco Camilla Verona. “Piante e animali perduti nella sua ventitreesima edizione ha manifestato una grande capacità di tenuta. Ancora una volta, come testimoniano i numeri, la manifestazione è stata capace di sorprendere e stupire per la qualità degli espositori e per la bellezza del centro storico addobbato come un giardino all’aria aperta. “Piante e animali perduti” è una festa per tutti, che offre opportunità a chi espone (vivaisti, piccoli produttori e artigiani), a chi visita e acquista. Sono certa che i visitatori, ciascuno in base ai propri interessi, hanno trovato spunti per vivere questo fine settimana come una grande festa della natura, dell’ingegno e dell’operosità, del gusto e della creatività: eccellenze tutte italiane”.

Piante e animali perduti si differenzia dalla maggior parte delle mostre – mercato per la volontà di non limitarsi all’esposizione di piante, prodotti alimentari e artigianato seppure di qualità, ma di affrontare con l’organizzazione di seminari, convegni e incontri questioni sentite come più urgenti e attuali come la perdita costante di biodiversità a causa dei comportamenti dell’uomo e dei cambiamenti climatici.

 

GARE GOLOSE E GIURIE DI QUALITÀ: ECCO I PREMIATI

Per due giorni la kermesse guastallese ha dato spazio ai vivaisti italiani, presenti con varietà botaniche di particolare bellezza e rarità, a razze di animali domestici o in via d’estinzione, all’artigianato italiano e all’enogastronomia d’eccellenza italiana. Si è inoltre rinnovato l’appuntamento con le gare di bontà come “Mustum Ardens”, la competizione aperta al pubblico di mostarde della riva sinistra e destra del Po, organizzata con il Consorzio Agrituristico Mantovano “Verdi Terre D’Acqua” e il mercato contadino di Guastalla, che ha visto posizionarsi al primo posto Daniela Zapparoli dell’agriturismo corte Villoresi di Gonzaga. Non è mancato lo storico Palio di San Lucio  tra i diversi tipi di Parmigiano-Reggiano, organizzato con la collaborazione del Consorzio del Parmigiano – Reggiano, che ha visto attribuire da una giuria di esperti il podio al Parmigiano-Reggiano prodotto dal caseificio Sant’Angelo di Dante Caretti di San Giovanni in Persiceto (Bologna) che ha prevalso su alcuni caseifici di Parma, Reggio Emilia, Mantova e Modena.

Strutto struggente”, una goliardica tenzone fra la torta fritta di Parma proposta dal forno Borlenghi di Colorno (PR) e il gnocco fritto di Reggio Emilia servito dalla Proloco di Guastalla ha visto la vittoria dei padroni di casa.

Inoltre una qualificata commissione composta da una trentina di esperti nei vari settori del verde-vivaismo, della enogastronomia e dell’artigianato ha provveduto a selezionare e premiare gli espositori più meritevoli. I primi premi sono andati per la categoria dei florovivaisti a Geel Floricoltura per la capacità di proporre piante, coltivate in modo biologico, rispondenti allo spirito originario della manifestazione; per la categoria artigiani & artisti a Energia ludica per la continua innovazione di tecniche e materiali su un gioco antico come la trottola, per l’ enogastronomia a Cascina Balcarino, azienda agrituristica e fattoria didattica per la produzione di ortofrutta, miele e conserve con valorizzazione della biodiversità. La graduatoria completa degli espositori premiati e delle menzioni speciali è presente nel sito www.pianteanimaliperduti.it.

L’edizione 2019, presentava alcune interessanti novità e un programma arricchito da numerose proposte culturali che hanno avuto buon riscontro di pubblico. Boom di richieste per le visite guidate alla scoperta di ai giardini e cortili di Guastalla a cura di Fiorello Tagliavini, allietate anche dal concerto del giovane violinista Marco Nerenti, e grande interesse per la mostra a Palazzo Ducale “Guastalla una città da film”.Novecento” di Bernardo Bertolucci nelle foto di Angelo Novi.

Molto partecipati sono stati anche i giochi antichi per i bambini, organizzati con le associazioni Genitori di Pieve e della scuola secondaria di primo grado, i laboratori con i rapaci e l’ allegra fattoria ricca di animali per la gioia delle famiglie nel pratone di Palazzo Ducale.

Piante e animali perduti è stata anche una occasione preziosa per andare alla riscoperta di edifici di rilevanza storico artistica. La ex chiesa seicentesca di San Francesco, dopo un lungo periodo di chiusura, a causa del sisma del 2012, ha riaperto a seguito dei lavori di restauro, per la prima volta in occasione della mostra – mercato come sede ideale per workshop creativo floreali.

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura

Lascia un commento