Il Papa in Madagascar: la scelta dei poveri

Stampa articolo Stampa articolo

Da La Libertà del 18 settembre

Si commuove, monsignor Pietro Ganapini, quando pensa ai sacrifici dei poveri per partecipare alla Messa del Papa di domenica 8 settembre ad Antanarivo.
“è stato un momento di grande emozione”, ha raccontato il presbitero novantunenne – decano dei missionari e patriarca della missione diocesana in Madagascar – al giornalista Maurizio Di Schino di Tv2000, “per la gente che affluiva, di tutte le categorie… li ho visti passare, questa povera gente con i bambini in groppa, a volte… Un milione di persone, mai vista tanta gente”.

Per monsignor Ganapini, ha sottolineato Di Schino nel servizio, il momento in cui Papa Francesco ha parlato della lotta alla corruzione è stato uno dei passaggi più forti dell’omelia. “Il Papa ha dato una sferzata e ha detto con chiarezza che occorre rimediare alla corruzione generale”.
Richiesto poi di definire in poche parole i suoi 58 anni di servizio come fidei donum sull’Isola rossa, don Pietro ha risposto così: “Abbiamo messo in risalto l’attenzione ai poveri”. Un’attenzione che la vita di monsignor Ganapini ha incarnato promuovendo fino a oggi la nascita di ben 104 scuole per poveri in tutto il paese, grazie agli aiuti inviati periodicamente da amici e benefettori. La sua perciò è davvero una quotidiana scelta dei poveri.

Aal termine del colloquio è stato chiesto a don Pietro se pensa di tornare in Italia. “No – la sua risposta – le mie condizioni di salute non mi consentono di affrontare il viaggio. Il principale motivo però non è questo. è che ormai voglio troppo bene ai malgasci”.

Pubblicato in Articoli, Vita diocesana

Lascia un commento