L’autunno e i buoni propositi

Stampa articolo Stampa articolo

Le prime giornate di settembre preludono alla mitezza dell’autunno. Il buio della notte porta con sé un’aria frizzantina che al mattino sprigiona una energia nuova e sembra cancellare la frenesia dell’estate ormai alle spalle. Arthur, il mio amico peloso, compagno di lunghe passeggiate, mi aspetta seduto davanti alla porta alle 7 precise, mattino e sera. Non ho mai capito come faccia a intuire l’orario esatto, ma lui lo sa. Ed è lì pronto, ogni giorno, a ricordarmi che quell’oretta di movimento, che apre e chiude la giornata come una preghiera, fa bene a lui e a me. La vita riprende il suo ritmo naturale: il lavoro, le riunioni con i colleghi, gli amici, il corso di inglese, allenamento per il cervello e via di fuga immaginaria per l’anima (magari il soggiorno di un week end a Londra si potrebbe prolungare e, in tal caso, sono pronta!), e la palestra….ma questa volta decido che verrà anche la mamma. Le farà sicuramente un gran bene!

Dopo un’estate trascorsa, per giornate intere, ricurva in cucina a sbucciare frutta di ogni tipo, raccolta con agilità felina direttamente dagli alberi, per inventare marmellate che farebbero impazzire anche gli chef più rinomati, a zappettare nell’orto dalle 6 del mattino per la soddisfazione di raccogliere le primizie, coltivate e curate con amore quasi filiale, da regalare, incartate come orchidee, alle amiche del cuore…dopo aver sgambettato con le sorelle sui lidi toscani, tra una partitina a carte, un bagno ristoratore, un mercatino serale e una nuova ricetta di pesce, che solo lei sa come si cucina… ecco, improvvisamente, la palestra diventa un esercizio difficilissimo su cui è necessario fare una riflessione. Più che una riflessione – azzardo – è necessaria una flessione. La battuta di spirito, per la verità anche un tantino irriverente, non è stata apprezzata. Prendo tempo e cerco il modo giusto per vincere la sua ritrosia, nella assoluta convinzione che un esercizio fisico adeguato e coordinato da un educatore sportivo esperto possa rappresentare la migliore medicina preventiva per questa indomita settantenne.

Continua a leggere l’articolo nella rubrica Mirabilia a cura di Valeria Braglia su La Libertà del 18 settembre

 

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura

Lascia un commento