Le carte di Gabrina: un orto in città, una strega, un gioco per conoscere le piante

Stampa articolo Stampa articolo

Sabato 7 settembre, in via Cugini, “Sfida all’ultima pianta”. Si presenta il memory illustrato da Elisa Pellacani con i testi di Adriana Della Seta in una festa con musica e letture.

Nasce dall’incontro tra l’illustratrice ed editrice reggiana Elisa Pellacani, che ha fatto da oltre dieci anni di Barcellona la sua seconda principale sede di attività, e l’Associazione Gramigna che dal 2010 cura il giardino officinale di via Cugini, l’idea di un mazzo di carte speciali, pensate perché adulti e bambini possano conoscere – giocando – alcune delle specie cresciute nell’orto dedicato alla famosa erbaiola e guaritrice reggiana Gabrina degli Albeti, a cui fu tagliata la lingua perché processata e giudiziata per le sue pozioni d’amore.

La prima, di cui di fatto rimane documentata non solo l’attività ritenuta “stregonesca” ma anche la condanna, e che si può rileggere oggi come uccisione simbolica di quante, donne, siano costrette al silenzio per la loro solidale e ostinata volontà di non tacere. L’autrice del mazzo, in cui i testi di Adriana Della Seta ne fanno anche un modo per conoscere tradizioni e osservazioni botaniche delle piante illustrate, propone in 55 carte tutte diverse tra loro aspetti immaginativi ma anche dettagliatamente realistici di ventisei piante che si compongono accoppiando le carte, come in un memory ricco di spunti scientifici e fantastici.

Oltre che per l’illustrazione, una passione per le piante e i fiori che accompagna la Pellacani – che ha già illustrato altri mazzi di carte, tra Tarocchi e carte da briscola a tema – da tempo, dedicando proprio a erbe e creature selvatiche dei campi la sua più recente collezione di gioielli, interamente forgiati nel suo studio con processi manuali in argento, bronzo e ottone, da cui ha tratto anche ispirazione per la realizzazione di una serie di dieci medaglioni che sono stati consegnati lo scorso luglio a Modena alle donne premiate dalla trentesima edizione del prestigioso Premio internazionale Profilo Donna. Ma non solo: di giardino in giardino, è quello anche metaforico della propria mente il tema conduttore a cui è dedicato – con bando aperto ad autori internazionali – la prossima edizione del “Festival del Libro d’artista” di cui Pellacani è curatrice a Barcellona da tredici anni con l’Associazione ILDE, e che per la settima volta torna a Reggio Emilia il prossimo dicembre, con la collaborazione dei Musei Civici e sotto la dicitura di “FareLibri”.

Per la presentazione del mazzo di carte, sabato 7 settembre, presso l’orto di via Cugini, uno dei fiori all’occhiello delle realtà autogestite con tenacia e passione per condividere momenti di crescita culturale e benessere nella collettività cittadina, sono previste letture (tematiche, come quelle di Loredana Averci, ma anche giocose come quelle di fondi di caffè da parte di Chiromatti e Mheran), musica dal vivo (con un concerto dei Piunz), e infine un aperitivo all’aperto a cura della Ghirba-Biosteria della Gabella di via Roma. Nell’ambito di Restate 2019, e con la collaborazione dell’Associazione Acque Chiare, “Sfida all’ultima pianta” è un pomeriggio per riscoprire e appoggiare, giocando, un orto aperto alla collettività in cui trovare e conoscere piante medicinali e curative.

Informazioni:

associazione.gramigna@gmail.com, tel. 338 1519547

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura

Lascia un commento