Pellegrinaggio in nome di Velia Gallinari

Stampa articolo Stampa articolo

Un anno fa la comunità reggiana e non solo l’Unitalsi (l’associazione di volontari cattolici per il trasporto dei disabili ai santuari mariani italiani e internazionali) perdeva Velia Gallinari morta a Lourdes durante il pellegrinaggio regionale. Questa sera, martedì 27 agosto, Velia sarà ricordata nel corso di una messa in programma alle 19 nella chiesa di San Gaetano, nella sua Albinea. In prima fila mamma Mara, i suoi fratelli, molti iscritti all’Unitalsi e quanti l’hanno conosciuta e apprezzata nel sua breve vita.

Quello di questa sera sarà solo di uno dei tanti momenti che l’Unitalsi, sia a livello provinciale che regionale,  ha messo in calendario per ricordare e testimoniare la fede e la gioia per la vita di Velia, morta a soli 47 anni.

A Velia, infatti, è dedicato il nuovo pellegrinaggio in treno di mercoledì 28 agosto che porterà centinaia di malati a cercare conforto e a pregare davanti alla grotta dedicata alla Madonna di Lourdes.

Al pellegrinaggio, che avverrà in treno – ma alcuni disabili raggiungeranno la cittadina dei Pirenei francesi anche in aereo – prenderanno parte delegazioni di pellegrini da Rimini, Faenza, Bologna, Modena, Parma e Piacenza. Quella di Reggio Emilia, con 62 partecipanti, è la delegazione più numerosa: forse un piccolo miracolo legato proprio all’effetto che Velia ha avuto su tutta la comunità dei pellegrini reggiani. Il pellegrinaggio regionale Unitalsi si concluderà il prossimo 3 settembre, con il ritorno in Italia del convoglio speciale con carrozze-ambulanza allestito per l’occasione da Trenitalia.

Pubblicato in Articoli, Slide, Vita diocesana

Lascia un commento