La vertigine dell’architettura e della rupe di Canossa, conferenza di Baricchi e Guidetti domenica 25 e festa per progetto cooperativa di comunità lunedì 26 agosto

Stampa articolo Stampa articolo

Week-end di sorprese a Canossa con due eventi davvero insoliti e degni di un approfondimento: questa domenica, 25 agosto, alle 18,30 si terrà presso il centro turistico Andare a Canossa la conferenza “La vertigine dell’architettura e della Rupe di Canossa” a cura dell’architetto Walter Baricchi e del prof.Giorgio Guidetti: un excursus davvero approfondito basato sull’analisi e la storia dell’architettura delle altezze, analizzando anche la rupe di Canossa ed il suo antico maniero, indagandone oltre all’aspetto storico-artistico anche gli effetti fisiologici e psicologici che questa tipologia architettonica può provocare nei soggetti più sensibili. La conferenza verterà su un nuovo approccio originale e mai sperimentato prima per affrontare la tematica del castello e dell’architettura da parte dei due studiosi, che si avvarranno anche di immagini su maxi schermo gigante. Al termine seguirà la cena buffet con i prodotti del nostro Appennino. Per info e prenotazioni: cell.3334419407

Lunedì 26 agosto invece, ci attende una festa in condivisione per il nuovo progetto della Cooperativa di Comunità, su iniziativa dell’associazione Terre di Canossa (presidente Maria Assunta Ligustri, Casa di Paglia ed in collaborazione con il centro turistico Andare a Canossa. L’iniziativa, si svolgerà dalle 19.00 in poi, con un brindisi/aperitivo di benvenuto sul belvedere di Canossa a cui seguiranno letture e proiezioni ed un piccolo rinfresco. Si presenterà il progetto della Cooperativa di Comunità alla presenza di Giovanni Teneggi, direttore Confcooperative di Reggio Emilia e a cui parteciperanno altre realtà già attive sul territorio. La finalità dell’incontro è quella di procedere nel creare una nuova possibilità di economia in aree disagiate e scarsamente popolate, dando nuova linfa al territorio e ai suoi abitanti, mettendo in sinergia tra di loro diverse realtà economiche già presenti sul territorio e diversi giovani che intendono investire per evitare l’abbandono di questi importanti luoghi matildici.
Si confida su una larga partecipazione, l’iniziativa è aperta a tutti.

Pubblicato in Articoli, Slide, Società & Cultura

Lascia un commento