Abusi di minori, formati per vigilare

Stampa articolo Stampa articolo

Inappetenza, calo del rendimento scolastico, iperattività, depressione, disturbi dell’umore, enuresi… Sono solo alcuni dei sintomi manifestati dai bambini vittime di maltrattamento e abuso sessuale, che la medicina definisce come “a-specifici”, in quanto disturbi generici e difficili da ricondurre al male che li ha originati. Proprio per questo l’Ausl di Reggio Emilia insieme al Servizio Sociale della nostra provincia tra marzo 2017 e ottobre 2018 ha promosso giornate di formazione condivise tra professionisti, per istruire medici pediatri, di pronto soccorso, neuropsichiatri infantili, psicologi, educatori, assistenti sociali e offrire loro più strumenti possibili per individuare disagi, disturbi e problemi, tramite il metodo definito “dell’intelligenza emotiva”.
“Senza i mezzi culturali idonei a intercettare e cogliere i segni nei piccoli pazienti che incontriamo”, afferma Elena Ferrari, pediatra e sessuologo clinico, “nessun professionista è in grado di accostarsi alla terribile disumanità dell’abuso, perché i segni sono presenti, ma ‘mancano gli occhi competenti per vederli’. La naturale reazione di ogni operatore di fronte a un caso di sospetto maltrattamento e abuso sessuale è la negazione. L’abuso è un atto a cui la nostra mente si ribella innescando processi di rimozione e difesa da atti così disumani”. Per questo è importante una formazione appropriata rivolta ai professionisti del settore, che non solo trasmetta nozioni ma sia capace di orientare ad un ascolto empatico e non giudicante.

Continua a leggere tutto l’articolo di Emanuele Borghi su La Libertà del 31 luglio

Pubblicato in Articoli, Slide, Società & Cultura

Lascia un commento