Ma non chiamatemi anziano

Stampa articolo Stampa articolo

Ieri ho appreso, da fonte autorevole, di essere anziano.
La circoscrizione mi ha spedito una pubblicazione con notizie ed iniziative previste per la prossima primavera: allegata c’era una busta con su scritto Speciale anziani.
Era la prima volta che qualcuno si rivolgeva a me con l’appellativo di anziano e sono rimasto un po’ sorpreso.
Ho guardato se l’indirizzo era giusto, e purtroppo era giusto. Ho aperto allora la busta: la lettera di presentazione iniziava con “Caro Franco”; se avevo qualche dubbio in merito, quello lo troncava di netto.
Una fonte autorevole e ufficiale mi dichiarava anziano; dovevo prenderne atto, volente o nolente.
Nolente, per la verità, perché trovo il termine anziano fortemente indigesto; forse perché nell’immaginario popolare il termine anziano sottintende una persona poco vitale e con meno potenzialità di una persona giovane, e questo, ne sono convinto, nel mio caso non corrisponde al vero.

Continua a leggere tutto l’articolo di Franco Zanichelli su La Libertà del 31 luglio

Portrait of an elderly, worried man with a gray beard and glasses sitting on grass

Pubblicato in Articoli, Slide, Società & Cultura

Lascia un commento