Alberto Rocchi nominato Presidente del Club Meccatronica di Unindustria Reggio Emilia

Stampa articolo Stampa articolo

Si è svolta nei giorni scorsi l’Assemblea del Club Meccatronica di Unindustria Reggio Emilia, che ha provveduto al rinnovo delle cariche.

Alberto Rocchi, 57 anni, ingegnere, responsabile della Divisione Elettronica di Walvoil, è stato eletto Presidente del Club, resterà in carica due anni e succede a Maurizio Brevini.

L’Assemblea ha anche rinnovato il Consiglio, che risulta così composto: Luigi Arnone (Kohler – Lombardini), Luca Bergonzini (Bucher Hydraulics), Alberto Castagnini (Landi Renzo), Paolo Codeluppi (Comer Industries), Marco Ferrari (Emak), Matteo Guerra (Argo Tractors), Roberto Guidi (Elettric 80), Carlo Linetti (C.O.B.O.), Claudio Ognibene (Ognibene Power), Simone Paterlini (Zivan – Gruppo ZAPI), Giuseppe Reggiani (Clevertech) e Rolando Vezzani (Corghi). Sono invitati permanenti Cesare Fantuzzi (Direttore DISMI UNIMORE) e un rappresentante del Club Digitale Unindustria e membri di diritto i past president Giannicola Albarelli (Reggiana Riduttori) e Maurizio Brevini (BCM).

Nella sua relazione Rocchi ha tracciato alcune linee guida del prossimo mandato: “Il Distretto reggiano della meccatronica è composto da oltre 300 imprese, operanti in 6 comparti, con un fatturato di 6 miliardi di euro e 28 mila occupati. Si va dalla meccanica agricola, ai robot, agli elettrodomestici, fino ai componenti per macchine mobili ed industriali. La cultura meccatronica è una cultura di tipo ingegneristico che oggi permea tutti i settori dell’industria, a partire da quello manifatturiero. Reggio Emilia, con le sue aziende e la sua Università, ne ha fatto un elemento distintivo, una bandiera. La sfida per il Club Meccatronica è contribuire attivamente al dibattito in corso sui temi non solo tecnologici, ma anche organizzativi ed etici, che stano influenzando la vita di tutti noi.”

L’incontro ha visto l’intervento anche di Fabio Storchi, Presidente Unindustria Reggio Emilia, e le relazioni sull’infrastruttura di ricerca per le aziende del territorio a cura di Giovanni Anceschi, Presidente di Arter e Mariacristina Gherpelli, Presidente del Clust ER Meccanica e Meccatronica. Successivamente è stato affrontato il tema “La digitalizzazione delle imprese: una sfida da cogliere” con Bernard Konzet, Vicepresidente Unindustria con delega all’Innovazione. Infine Riccardo Rubini, Professore Ordinario DISMI Unimore, ha fatto il bilancio di 20 anni di presenza e prospettive future di Ingegneria a Reggio Emilia.

CLUB MECCATRONICA

Promosso da Unindustria Reggio Emilia, Il Club Meccatronica conta oggi 94 soci ed è una realtà che non ha precedenti in Italia, volta ad aggregare tutti quei soggetti – imprenditori, manager, tecnici, docenti universitari, liberi professionisti – interessati a vario titolo ad approfondire le tematiche legate ai diversi ambiti della “meccatronica”. Costituito nel 2003, ha l’obiettivo di fungere da punto d’incontro per lo scambio di informazioni ed esperienze tra gli aderenti, anche promuovendo specifiche iniziative. Si propone inoltre di rafforzare i circuiti di scambio tra impresa ed Università, come, parallelamente, di promuovere collaborazioni tra i soci aderenti ai fini di un approccio sinergico al mercato. Infine, come sintesi di una serie di attività, il Club intende diffondere, nei diversi ambiti, la cultura tecnica e le soluzioni di tecnologia meccatronica. Rappresenta gli interessi dei soci e promuove a livello nazionale e internazionale le competenze delle aziende meccatroniche reggiane.

Pubblicato in Articoli, Associazioni

Lascia un commento