Alla scoperta delle Grotte del Crinale

Stampa articolo Stampa articolo

Il 16 giugno «Obiettivo Natura» presenta a Cinquecerri le proposte estive

Domenica 16 giugno, a Cinquecerri di Ventasso, Obiettivo Natura (Gruppo spontaneo di valorizzazione dell’Alto Crinale dell’Appennino Reggiano) inaugura le nuove iniziative per la stagione turistica estiva. Quest’anno il gruppo ha scelto di rivalutare la Corte di Nasseta, luogo che porta con sé una storia millenaria.
La valorizzazione di Nasseta passa in particolare dall’inaugurazione del sentiero Giarola-Nasseta-Acquabona-Nismozza-Ca’ Manari-grotte di San Venanzio e dall’apertura dei sentieri Prate-Caprile e Prate-Vaglie per poi proseguire per la conca del Cavalbianco.

Quest’anno Obiettivo Natura inaugura anche “Grotte del Crinale”, un progetto di riscoperta delle grotte (circa 200) della dorsale carsica dell’Alto Crinale dell’Appennino Reggiano la cui formazione risale all’epoca del Norico (più di 200 milioni di anni fa).

La festa
La festa del 16 giugno prevede poi l’apertura, presso il bar ristorante K2 di Cinquecerri, di una nuova area informazioni nella quale sarà possibile reperire materiale sul Gruppo Obiettivo Natura e sul Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano. Nello spazio divulgativo-informativo sarà presente un angolo di consultazione internet, un touch screen dedicato alla coperta del Parco Nazionale e un angolo lettura libri (anche con prestito) a disposizione dei turisti e della popolazione residente.

La festa inizierà alle ore 10 con il taglio del nastro in piazza a Cinquecerri con il sindaco di Ventasso Antonio Manari, il presidente del Parco Nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano Fausto Giovanelli, don Giovanni e don Giuliano di Cinquecerri. Alle ore 10.30 saluto del sindaco e del presidente del Parco presso la sala polivalente della parrocchia.

Continua a leggere tutto l’articolo su La Libertà del 5 giugno

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura

Lascia un commento