In Italia un under 16 su 3 è povero

Stampa articolo Stampa articolo

Preoccupante reportage della CGIA di Mestre: in 20 paesi su 28 dell’UE, la povertà tra i minori è superiore a quella degli anziani

La crisi ha colpito soprattutto i giovani: in 20 Paesi europei su 28, infatti, il rischio povertà tra gli under 16 (media UE al 24,4%) è nettamente superiore a quello riferito agli over 65 (18,2%). La situazione in Italia è ancor più drammatica. La percentuale di minori che si trova in una situazione di deprivazione economica è addirittura al 31,5%, contro una media tra gli ultra sessantacinquenni del 22%. Nell’Unione Europea a 28 solo in Grecia, in Romania e in Bulgaria la quota di minori a rischio povertà è superiore al dato riferito al nostro Paese. A dirlo è l’Ufficio studi della CGIA di Mestre. Afferma il coordinatore dell’Ufficio studi Paolo Zabeo: “L’elevato livello di povertà giovanile, riconducibile anche alle caratteristiche della spesa per la protezione sociale che in tutta Europa è fortemente sbilanciata sulle pensioni, spesso si traduce anche in povertà educativa. Molti di questi ragazzi, infatti, sono destinati ad abbandonare presto gli studi, pregiudicando la carriera lavorativa futura, che quasi sicuramente riserverà a questi soggetti delle enormi difficoltà a trovare un’occupazione stabile e di qualità. E alla luce del progressivo invecchiamento della popolazione e del calo delle nascite, le nostre Pmi non possono permettersi di lasciarsi sfuggire una quota così importante di giovani leve”.

Secondo l’Eurostat sono a rischio povertà o esclusione sociale le persone che appartengono a famiglie che si trovano in almeno una delle seguenti tre situazioni di disagio: 1) dispongono di un reddito equivalente inferiore alla soglia di povertà; 2) vivono in condizione di grave deprivazione materiale; 3) sono a bassa intensità di lavoro, cioè gli adulti lavorano meno del 20% del loro potenziale. Gli 8 Paesi che presentano il rischio povertà tra gli over 65 superiore al dato degli under 16 sono: Bulgaria; Estonia; Croazia; Lettonia; Lituania; Malta; Polonia e Slovenia. Come dicevamo, questa elevata percentuale di adolescenti con problemi di esclusione sociale, che rischia di pregiudicare ad un minore su tre il conseguimento del diploma di scuola secondaria di secondo grado, avrà delle implicazioni molto preoccupanti nel momento in cui dovranno cercare un lavoro. In questi ultimi anni, infatti, i flussi di ingresso nel mercato del lavoro italiano si sono decisamente polarizzati. Le imprese, infatti, da un lato cercano sempre più addetti con bassi livelli di competenze e di specializzazione, dall’altro, maestranze che presentano una elevata professionalità. In forte calo, invece, la richiesta di figure caratterizzate da mansioni routinarie. “Questa situazione – segnala il segretario Renato Mason – spiega molte cose, in particolar modo il disallineamento sempre più marcato tra domanda e offerta di lavoro. Sempre più spesso, infatti, molti imprenditori denunciano la difficoltà di reperire tecnici altamente specializzati, nonostante la disoccupazione giovanile in Italia superi il 30%. Oppure, segnalano di non trovare personale per lavori a bassa professionalità e molto impegnativi da un punto di vista fisico. Fenomeno, quest’ultimo, che è stato mitigato grazie al massiccio ricorso di personale straniero”.

 

In Italia, la popolazione a rischio povertà o esclusione sociale con meno di 18 anni ha un’incidenza più elevata nel Mezzogiorno. In Sicilia, ad esempio, i minori in difficoltà son il 56,8%, in Calabria il 49,5 e in Campania il 47,1. In termini assoluti, a livello nazionale la popolazione giovanile con disagio economico ammonta a 3,1 milioni di unità: tra questi, 498 mila circa sono campani e 488 mila circa sono siciliani. Secondo l’Istat, i livelli di povertà si mantengono elevati per le famiglie con cinque o più componenti e con persona di riferimento giovane avente un basso livello di istruzione. Al Nord le famiglie che vivono nelle grandi città presentano l’incidenza della povertà relativa superiore a quella presente nei Comuni di minori dimensioni. Nel Centro Sud, invece, la situazione si capovolge. Sono i Comuni minori a registrare il numero più alto di famiglie in povertà, rispetto alle realtà urbane con un numero di abitanti superiore. Infine, l’incidenza di povertà relativa è decisamente superiore nelle famiglie dove sono presenti degli stranieri. Povertà economica, dicevamo, è sinonimo anche di povertà educativa. I dati sull’uscita precoce dal sistema di istruzione e formazione sono molto preoccupanti. Nel 2017 i giovani tra 18 e i 24 anni che avevano conseguito solo il diploma di licenza media e non stavano frequentando nessun altro corso scolastico/formativo erano il 14%, ma con punte del 21,2 in Sardegna, del 20,9 in Sicilia e del 19,1 in Campania. Le realtà più virtuose, invece, riguardavano l’Umbria (9,30%), la Provincia autonoma di Trento (7,80%) e l’Abruzzo (7,40%). Altrettanto allarmante è il livello di non conseguimento della licenza media. Secondo i dati dell’ultimo Censimento della popolazione Istat, l’8,61% degli italiani in età lavorativa (15-62 anni) non ha terminato la scuola dell’obbligo (pari a 3,2 milioni di persone). Sempre al Sud scorgiamo le percentuali più preoccupanti: 12,97 in Puglia, 12,30 in Campania, 12,26 in Sicilia e 11,87 in Calabria. I territori con le percentuali più contenute, invece, sono il Lazio (5,82%), il Trentino Alto Adige (5,52%) e il Friuli Venezia Giulia (5,50%). In Emilia-Romagna erano il 6,77%.

Sempre in Emilia-Romagna (dati 2017) su una popolazione di 707.240 minori, la popolazione sino a 18 anni di età a rischio povertà è di 111.744 unità, pari al 15,8; nel 2017 risultava del 9.90% l’uscita precoce dal sistema di istruzione tra i giovani fra i 18 e i 24 anni.

Il quadro generale, infine, rischia di peggiorare ulteriormente alla luce dei profondi cambiamenti che anche il mercato del lavoro subirà nei prossimi anni. La diffusione nei processi produttivi della digitalizzazione e della robotica darà un forte impulso alla disoccupazione tecnologica, incentivando l’espulsione soprattutto delle maestranze meno scolarizzate e con bassi livelli di professionalità. Secondo gli ultimi dati Ocse 4 , infatti, in Italia è a rischio un posto di lavoro su 6 (3 milioni di occupati) se, in tempi ragionevolmente brevi, non si procederà con programmi di formazione e aggiornamento delle competenze da rivolgere, in particolar modo, ai lavoratori meno istruiti.

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura

Lascia un commento