#assegnoXfiglio batte denatalità

Stampa articolo Stampa articolo

ITALIA: 10 ANNI D’INVERNO DEMOGRAFICO
In Italia, il declino demografico fa sì che ogni anno sparisca l’equivalente di una città di quasi 200mila abitanti: come Trento, Taranto, Brescia, Reggio Emilia o Modena, per intenderci. Da una parte, aumenta la speranza di vita e crescono gli ‘over-65’ (nel 2018 i decessi sono stati 636mila, 13mila in meno rispetto all’anno precedente); dall’altra, non si fanno più figli: erano 821mila nel 1945, sono arrivati a 1.035.000 20 anni dopo; sono crollati a 474mila nel 2016, fino ai 449mila del 2018. Risultato? Il saldo naturale nel 2018 è stato negativo per 187mila unità: il secondo livello più basso nella storia italiana, dopo quello dell’anno precedente (-191mila).

Insomma, nel nostro Paese l’unico dato che aumenta sul fronte demografico è lo spopolamento. Il numero dei neonati iscritti annualmente all’anagrafe negli ultimi 10 anni è calato di oltre 120mila unità annue. L’Italia oggi ha un tasso di fecondità pari a 1,3. Siamo ultimi in Europa, insieme con la Spagna e, nel contempo, la spesa pubblica per la famiglia nel nostro Paese è pari all’1,9 in rapporto al PIL: siamo quintultimi, davanti solo a Olanda, Spagna, Portogallo e Grecia. Oltre a questo, perché non si fanno più figli?

FAMIGLIE ITALIANE CON FIGLI:
LE PIù ESPOSTE AL RISCHIO-POVERTà
Chi mette al mondo un figlio oggi in Italia rischia la povertà: la percentuale di famiglie in povertà assoluta è pari:
• al 5% per le coppie senza figli;
• al 6,3% per una coppia con un figlio;
• al 9,2% per una coppia con 2 figli;
• ma sale vertiginosamente fino al 15,4% per due genitori con 3 o più figli. È l’emblema dell’impoverimento complessivo del Paese, che perdura da oltre 10 anni. Secondo l’ISTAT, l’incidenza della povertà assoluta aumenta di quasi il 50% tra i nuclei con 3 o più figli minori, passando dal 18,3% al 26,8%: interessa in tutto 137.711 famiglie e 814.402 persone.

Continua a leggere l’articolo a cura del Forum delle Associazioni Familiari su La Libertà del 22 maggio

Pubblicato in Articoli, Associazioni

Lascia un commento