1000 euro a tutti i dipendenti: il regalo di compleanno per i 90 anni di Comoli Ferrari

Stampa articolo Stampa articolo

Prosegue il tour aziendale di Comoli Ferrari, il maggiore gruppo italiano nella distribuzione di materiale elettrico, che celebra così il 90° anniversario dalla sua fondazione. Giovedì 16 maggio farà tappa a Reggio Emilia: dipendenti e collaboratori saranno invitati a festeggiare presso Ruote da Sogno, lo showroom che ospita in maniera permanente una collezione con più di 1000 tra motociclette e automobili d’epoca.

Se i 90 anni di crescenti successi dovevano, come annunciato nelle premesse, infondere nuova energia e dinamicità al Gruppo italiano più capillare della distribuzione impiantistica, l’annuncio dell’AD Paolo Ferrari è stato accolto da una seconda standing ovation alla cerimonia di chiusura della crociera aziendale.

Il primo caloroso “abbraccio”, tutti in piedi, i dipendenti dell’azienda novarese lo hanno tributato all’impatto emotivo che hanno suscitato gli interventi di Margherita, Anastasia e Paolo Ferrari che negli interventi ufficiali hanno confermato le linee guida che distingueranno il management dell’azienda nel costruire il futuro e il carattere familiare che ha guidato i rapporti della proprietà con tutti i collaboratori fin dall’inizio.

I tre video con cui i tre giovani hanno rimarcato il valore della famiglia nel loro impegno aziendale hanno segnato nuovamente l’approccio che li caratterizza.

Poi negli interventi, ancora una volta, più che i risultati e le cose fatte e da fare, si è posto l’accento su come l’azienda si muove, su come si costruiscono esperienze e relazioni di qualità che caratterizzano l’hub (made in Italy) Comoli Ferrari, il punto di riferimento per la filiera impiantistica italiana.

Margherita Ferrari ha evidenziato l’impegno continuo per fare a tutti i livelli della “buona comunicazione”, per relazionarsi, farsi capire, capire gli altri, non solo in azienda. La buona comunicazione come elemento base per “diventare più creativi con facilità, e immaginare e sviluppare soluzioni che prima non ci sembravano possibili, che faranno la differenza con tutti e ci consentiranno di essere, e continuare a essere, un punto di riferomento”.

Anastasia Ferrari ha insistito sull’attenzione ai dettagli e ai comportamenti quotidiani che un gruppo di quasi 1000 persone deve continuare a valorizzare, in particolare oggi poiché negli utlimi anni Comoli Ferrari è cambiata tantissimo inserendo nuove risorse con nuove competenze, rendendo sempre più complesso il contatto con i singoli che ha caratterizzato la storia imprenditoriale della famiglia Ferrari.

“Il mondo è cambiato e dobbiamo cambiare il nostro approccio al mondo” – ha ribadito Anastasia – “Oggi puntiamo molto sugli atteggiamenti, sul modo di porsi, e cerchiamo persone aperte a 360°, al mercato e agli altri, meglio se hanno una visione e, come noi, una gran voglia di futuro”.

“… per noi la cosa più importante non è arrivare primi, non è questo lo spirito della velocità: la cosa più importante è garantirci di continuare a correre”, ha concluso nel video, girato fra le sue moto, Paolo Ferrari. Poi il suo intervento.

La cognizione dei valori in campo, soprattutto della quotidianità, è condizione essenziale per valorizzare e dare un senso al proprio lavoro e garantire la continuità del proprio progetto. Un discorso appassionato, a braccio ovviamente, che illustra chiaramente come ogni collaboratore sia determinante per “continuare a correre” e l’esempio più calzante Paolo Ferrari lo dedica a chi lavora in magazzino, quelli che a volte pensano di essere dimenticati mentre sono l’elemento chiave del successo del Gruppo. Un lavoro fondamentale che Ferrari conosce bene per aver trascorso in quei capannoni le estati di studente liceale.

Ed è ancora il modo di essere e di fare le cose ad essere protagonista di queste rapide e intense riflessioni che accendono la platea che si lancia in una sentita standing ovation finale, con Anastasia, Margjerita e Paolo Ferrari, riuniti sul palco.

Standing ovation che si ripeterà pochi minuti dopo l’annuncio del regalo di compleanno: 1000 euro a tutti, che saranno erogati al netto, a novembre, in concomitanza con la data ufficiale di fondazione della società Comoli Ferrari, avvenuta nel 1929.

Si chiude quindi un evento particolarmente significativo iniziato venerdì 10 maggio al porto di Genova, con l’imbarco di tutti gli invitati sulla motonave GNV La Suprema, riservata in esclusiva per una minicrociera fino a Bastia.

I collaboratori del Gruppo Comoli Ferrari provengono da 8 regioni (Piemonte, Valle d’Aosta, Lombardia, Ligiria, Emilia Romagna, Marche, Toscana, Sardegna) in cui l’impresa opera con 112 filiali e due 3E Lab, gli show room in cui si possono trovare installate le più innovative soluzioni per l’impiantistica, la domotica, l’automazione, energie rinnovabili, illuminazione.

Nella giornata di sabato tutti gli ospiti hanno visitato la città partecipando a una caccia al tesoro che li ha portati a vedere angoli insoliti e particolari della città vecchia, colorando di azzurro (sociale) le vie cittadine e rimepiendo la place Saint Nicolas punto di partenza e ritrovo sotto i gonfibili personalizzati.

In serata la cerimonia ufficiale e la cena di gala per poi ripartire per Genova.

Per ulteriori informazioni: Paolo Ferrari, amministratore delegato di Comoli Ferrari, tel. 0321/4401

 

Pubblicato in Articoli, Associazioni

Lascia un commento