25 minuti di splendore

Stampa articolo Stampa articolo

Presentato il documentario che accompagna la visita in Ghiara

Si può veramente dire che domenica 28 aprile, con la presentazione del documentario “Il tempio della Beata Vergine della Ghiara a Reggio Emilia”, le Celebrazioni del quarto centenario della traslazione dell’immagine miracolosa sono partite, come si suol dire, con il botto. Infatti la sala convegni dei chiostri era talmente piena di gente che in tanti sono dovuti rimanere in piedi e diversi non sono riusciti nemmeno ad entrare, questo a significare, se poi ce ne fosse ancora bisogno, che la Madonna di Reggio occupa un posto molto speciale nel cuore dei fedeli della città.

Il filmato, promosso dalla Fabbriceria laica del tempio e finanziato dal Rotary club Reggio Emilia-Val di Secchia, è stato prodotto da Jeris Fochi di Mediavision con la regia di Nico Guidetti.

Girato con le più moderne tecnologie, illustra le meraviglie della Basilica così nota ai reggiani, ma che forse ancora non occupa il posto che le spetta fra le tante bellezze celebrate nella nostra Italia.

Nel documentario, della durata di 25 minuti, la voce dello storico Angelo Mazza ne ripercorre la storia e ne illustra i dipinti, gli affreschi delle volte e le statue del santuario, aiutato dall’occhio della telecamera di un drone che permette un punto di vista assolutamente inedito e che amplifica la perfezione e la bellezza dei tesori contenuti nel tempio.

Gino Farina, presidente della Fabbriceria, ha spiegato che il filmato, che è scaricabarile gratuitamente per tutti dal sito www.basilicaghiara.it, ha lo scopo di accompagnare il visitatore all’interno della Basilica per approfondire la conoscenza delle opere e degli artisti che hanno reso questa chiesa veramente unica nel panorama rinascimentale italiano.

Continua a leggere tutto l’articolo di Giuseppe Maria Codazzi nello Speciale Giubileo su La Libertà dell’8 maggio

 

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura

Lascia un commento