Per frequentare il futuro serve la memoria

Stampa articolo Stampa articolo

Il 26 giugno 2018 papa Francesco nominava Archivista e Bibliotecario di Santa Romana Chiesa il Rev.do Sac. José Tolentino Calaça de Mendonça, finora Vice Rettore dell’Universidade Católica Portuguesa a Lisbona, elevandolo in pari tempo alla sede titolare vescovile di Suava, con dignità di Arcivescovo.

Egli ha assunto il nuovo incarico a partire dal 1° settembre 2018.
Il 4 marzo 2019, presentando al Santo Padre – in una udienza speciale – il personale dell’Archivio Vaticano, gli rivolgeva alcune parole di saluto che sono un vero e proprio programma di lavoro
non solo per tutti gli archivi ecclesiastici, ma anche per i ricercatori e gli storiografi di buona volontà.
Riprendiamo dall’Osservatore Romano del 4-5 marzo 2019:
«Nell’Archivio vaticano sono conservate le tracce del cammino della Chiesa nella storia, si raccoglie l’eco del passaggio del Signore Gesù nel tempo».

Così, rivolgendosi direttamente a Papa Francesco all’inizio dell’udienza, l’arcivescovo José Tolentino Calaça de Mendonça è andato al cuore dell’attività dell’Archivio segreto vaticano. La funzione della memoria — ha spiegato il presule Archivista e Bibliotecario diSanta Romana Chiesa — «può avere molteplici effetti: può paralizzare, mummificare e frenare il cammino se ci volgiamo indietro a contemplare la storia con sterile nostalgia, ma può renderlo più sicuro se interroghiamo il passato per comprendere e operare più consapevolmente nel presente, può renderlo più sicuro se consideriamo il passato possibilità di dialogo

Perciò «avere il culto di queste carte, dei documenti degli archivi, vuol dire, di riflesso, avere il culto di Cristo, avere il senso della Chiesa». E se è vero che la Chiesa cammina nella storia nell’attesa del ritorno del suo sposo, allora essa «coltiva la memoria perché desidera frequentare il futuro».

Continua a leggere tutto l’articolo nell’inserto Memoria Ecclesiae su La Libertà dell’8 maggio

 

Pubblicato in Articoli, Slide, Vita diocesana

Lascia un commento