Luigi Rigazzi scrive la Storia dell’Eresia

Stampa articolo Stampa articolo

Luigi Rigazzi racconta la Storia dell’Eresia (Etabeta editore, aprile 2019, 222 pagine, 15 euro) facendo un excursus in oltre duemila anni di storia del cristianesimo, facendoci conoscere alcune delle figure più importanti che sono incappate nelle feroci maglie delle varie Inquisizioni. Questa è una storia che è stata lasciata ai margini, non studiata nelle scuole e per quasi duemila anni ignorata. Le varie Chiese negli ultimi anni hanno fatto ammenda e chiesto perdono per le atrocità commesse.
Rigazzi ci accompagna in questo viaggio a ritroso, facendoci scoprire le pagine più buie di questa tragedia.

L’autore ci presenta di volta in volta il quadro storico e il periodo nel quale determinati personaggi, non in linea con le varie ortodossie, sono stati ritenuti eretici, processati, torturati e messi al rogo.
“Hanno acceso roghi i cattolici, gli anglicani, i luterani e i calvinisti, uccidendo, torturando e massacrando intere popolazioni, etnie, soltanto perché non allineate con le varie ortodossie. Questa è stata una delle pagine più buie della storia dell’Europa. Si deve senz’altro a queste donne e a questi uomini che furono massacrati in nome di un credo, e morirono per le loro idee e per le loro fedi, se oggi tutte le nostre libertà sono sancite e riconosciute dalla Dichiarazione universale dei diritti umani, firmata il 10 dicembre 1948”. Così scrive Luigi Rigazzi nella breve premessa, a pagina 7. E aggiunge: “Dedico questo mio lavoro a tutte le vittime di ieri e di oggi, vittime di una assurda prepotenza, di un’eccessiva arroganza e di una falsa giustizia”.

Leggi tutto l’articolo su La Libertà dell’1 maggio

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura

Lascia un commento