Lettera dal vescovo Adolfo Zon Pereira

Stampa articolo Stampa articolo

Da La Libertà dell’1 maggio

Pubblichiamo il testo del messaggio che il vescovo di Alto Solimões Adolfo Zon Pereira (foto), rientrato nella sua Chiesa in Amazzania, ha indirizzato a don Pietro Adani, direttore del Centro Missionario Diocesano.

Carissimo pade Pietro, solo adesso trovo il tempo per mettermi all’e-mail e comunicare a voi tutti che ho fatto un viaggio di ritorno molto buono. Sono arrivato in casa nello stesso giorno della mia partenza da Bologna e questo l’ho sentito nel fuso orario che ho smaltito solo nei giorni successivi e con diverse ore di riposo.
Voglio approfittare per ringraziare tutti per la prossimità e l’amicizia con cui mi avete accolto, a partire da Monsignor Massimo, così come i padri Gabriele e Paolo e tutti voi dell’ Ufficio Missionario. Grazie per avermi dato la possibilità anche di visitare tante altre realtà delle diverse diocesi…, ma soprattutto il conoscere più da vicino la vostra Chiesa locale con tutti i servizi per l’evangelizzazione, una evangelizzazione che va oltre i limiti geografici e culturali. Sono rimasto molto colpito dai servizi che realizzate agli stranieri e anche ai vostri più bisognosi nelle Case della Carità.
Ringrazio Dio per questa bella esperienza che faremo insieme.
Che Lui la benedica e che noi possiamo portarla avanti con tutto il meglio di noi stessi.
Adesso mi trovo a celebrare la Settimana Santa con le parrocchie più lontane. Vi ricordo nella preghiera e desidero per tutti voi una Buona e Santa Pasqua.
Fraternamente,

Adolfo Zon Pereira, sx
vescovo dell’Alto Solimões

17 aprile 2019, per e-mail

Pubblicato in Articoli, Vita diocesana

Lascia un commento