A Bagnolo uno spettacolo sulla via di Reclus Malaguti, capo partigiano

Stampa articolo Stampa articolo

Sabato  27 aprile, alle ore  21, presso  il Teatro  Gonzaga “Ilva Ligabue”  di Bagnolo in Piano, l’Associazione Culturale Laboratorio  Democratico porterà  in scena  la narrazione civile “Reclus- Epopea di un bagnolese resistente”, sulla vita di Reclus Malaguti.

Reclus Malaguti, classe 1907, bagnolese di adozione  (la famiglia era originaria  di Novi di Modena), fu un fiero antifascista durante  il ventennio, condannato a diversi anni di confino in Sardegna e all’isola di Ponza, poi capo partigiano  della 144 A Brigata Garibaldi e della  IV Brigata “Menconi bis” durante  la guerra  di Liberazione,  infine promotore di cooperative e dirigente  sindacale  nel dopoguerra,  ricoprendo il ruolo di segretario della Camera del Lavoro di Bagnolo in Piano per 24 anni.  Premiato con la Medaglia d’Oro della CGIL, è scomparso  nel 1990.

Lo spettacolo, scritto, diretto e interpretato da Gianluca  Paoli, con Alessio Mainini e Annalisa Bonaccini,  e la partecipazione di Chiara Piccinini  (voce), Letizia  Spaggiari (flauto traverso)  e Alessandro  Capiluppi  (pianoforte), è liberamente tratto dal libro autobiografico  “Lo scontro di classe”, scritto  dallo stesso Malaguti nel 1973, Ed. La Pietra. La narrazione  civile ricostruisce  la storia di Malaguti, dalla sua giovinezza fino all’attività sindacale, raccontando  i momenti salienti  della sua vita, come la durezza della misera condizione di bracciante e i primi innamoramenti,  l’ingresso nell’organizzazione  clandestina  antifascista, gli arresti, il confino,  la lotta  armata, la perdita  del padre e del fratello  per mano della repressione  fascista, la vittoria, la rinascita.

Lo spettacolo rappresenta l’unico evento della 3 A   edizione della  manifestazione “Bagnolo Liberata!”, rievocazione storica  della liberazione  di Bagnolo in Piano, organizzata  dalla Associazione culturale Laboratorio Democratico,  e il secondo  episodio di “Progetto Pantheon”, l’ideale Hall of Fame di Bagnolo in Piano, con la quale l’Associazione intende  onorare e ricordare quei concittadini bagnolesi che,  con le loro azioni e la loro vita,  hanno concorso a dare lustro al  paese,  dentro  e fuori dai suoi confini; che con il loro sudore,  il loro talento,  la loro generosità  o il loro spirito  di sacrificio hanno contribuito alla crescita  ed al progresso morale e sociale della comunità  bagnolese.  Il secondo concittadino ad essere  omaggiato,  dopo Danilo Barozzi, è appunto   Reclus Malaguti, a cui lo scorso 1″ ottobre 2017 è già intitolato il direzionale commerciale  di Via Olimpia.

Lo spettacolo, che è ad ingresso gratuito,  ha ovviamente  ottenuto l’adesione  e il sostegno della Famiglia Malaguti, e costituisce  il preludio a un’ulteriore iniziativa  futura, la ristampa del volume  “Lo scontro di classe”, a cura della famiglia stessa.

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura

Lascia un commento