Pace come preghiera e azione

Stampa articolo Stampa articolo

Il significato dell’impegno di Operazione Colomba in Siria

Pubblichiamo la trascrizione della testimonianza resa da Alberto Capannini durante la veglia di preghiera celebrata il 26 febbraio a Sassuolo.

Buona sera, grazie della possibilità di essere qua. Quando qualche mese fa ci siamo incontrati con don Filippo e ci hanno chiesto cosa possiamo fare per quello che state facendo in Libano e Siria, una delle prime cose che abbiamo chiesto è stata: pregate per sostenere questo proposta di pace. Cos’è Operazione Colomba e qual è il significato di questa proposta di Pace? Operazione Colomba è un gruppo di volontari che provengono da diversi parti d’Italia, e non solo italiani, che decidono di andare a vivere dove ci sono le guerre per abbassare il livello di violenza e proteggere le persone in maniera diversa dalla protezione delle armi. C’è un gruppo in Palestina, un gruppo in Albania, un gruppo in Colombia e un gruppo in Libano vicino alla Siria e un gruppo che sta facendo un viaggio esplorativo in Cile.

Che cosa facciamo in Libano?
In Libano siamo andati più di 4 anni fa, perché in Siria saremmo stati subito rapiti. Abbiamo chiesto di mettere una tenda in una zona dove c’erano dei profughi siriani e queste persone ci hanno detto di no. Abbiamo chiesto “Perché no?” e loro ci hanno detto “Perché non si può vivere così”. È come se ci dicessero che la loro dignità non valeva niente, loro potevano vivere così, mentre noi eravamo sicuramente persone più importanti e non potevamo vivere in una tenda. Allora la scelta di condivisione nel campo profughi con loro ci sembrava l’unico modo per dire a queste persone “La tua vita vale come la mia” e per non dirlo solo a parole. E così abbiamo iniziato a vivere con loro.

Leggi tutto l’articolo su La Libertà del 17 aprile

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura

Lascia un commento