Nuova luce per la Ghiara

Stampa articolo Stampa articolo

Parla l’architetto Daniele Canuti, progettista dell’impianto

Nuova luce per le volte affrescate e le cappelle della Basilica della Beata Vergine della Ghiara.
In occasione del Giubileo è prevista la realizzazione di un nuovo impianto di illuminazione il cui progetto – a cura degli architetti Daniele Canuti e Giancarlo Grassi (quest’ultimo dello studio Severi Architetti Associati) – è stato recentemente approvato dalla Soprintendenza per i Beni culturali.
La nuova illuminazione – proposta dal Comune di Reggio Emilia proprietario dell’immobile, dalla Fabbriceria laica del Tempio della Ghiara e dal Comitato per le Celebrazioni del IV Centenario – sarà realizzata grazie al contributo di Iren Spa e dell’ingegnere Gian Paolo Roscio, responsabile di “Servizi a Rete” di Iren Energia S.p.A. La realizzazione dell’impianto è stata affidata all’azienda “Terzi Franceschini” di Correggio.

Luminosa  e non illuminata
La Ghiara, promette Canuti esperto progettista illuminotecnico, sarà luminosa e non illuminata. Per i fedeli e i visitatori sarà un po’ come se il tempio mariano splendesse di luce propria. Il nuovo impianto si propone infatti di supportare la liturgia e di valorizzare le splendide opere d’arte custodite nella Basilica senza causare abbagliamenti o riflessi. I nuovi corpi illuminanti saranno invisibili – questa è la “magia” che ci aspetta – e doneranno ai cicli di affreschi una nuova tridimensionalità. Attraverso idonei sistemi di schermatura, si cercherà di minimizzare anche la sola percezione dell’esistenza delle lampade accese, con l’obiettivo di farle scomparire dal campo visivo.

Dall’estate le lampade della Basilica lasceranno il posto a modernissime luci led che consentiranno di modulare direzione, intensità, colore della luce e, non ultimo, di risparmiare sulla bolletta energetica che peserà un terzo di quella attuale. Anche i costi di manutenzione diminuiranno, perché i led hanno una durata maggiore nel tempo e prestazioni più efficienti.

Leggi tutto l’articolo di Emanuele Borghi su La Libertà del 17 aprile

Pubblicato in Articoli, Vita diocesana

Lascia un commento