Celebrazioni del Triduo Pasquale

Stampa articolo Stampa articolo

Giovedì 18 aprile
Apertura del TRIDUO PASQUALE

La sera del Giovedì, dopo il tramonto, inizia il Triduo pasquale nel quale siamo chiamati a rivivere la passione, la morte-sepoltura e la risurrezione di Gesù. Le celebrazioni episcopali del Triduo sono animate dalla Cappella musicale della Cattedrale.
Alle 18.30, in Cattedrale, apertura del Triduo Pasquale con la Messa nella Cena del Signore, dove il Vescovo compirà il gesto della lavanda dei piedi ad alcuni dei 55 fanciulli della prima Comunione delle parrocchie dell’unità pastorale “Santi Crisanto e Daria”. Al canto del Gloria, verranno “legate” le campane (che rimarranno silenziose fino alla Notte di Pasqua), Al termine, con processione eucaristica, il Santissimo Sacramento verrà riposto nel ciborio della Cattedrale per l’adorazione notturna (come in tutte le chiese parrocchiali, l’adorazione solenne è fino alla mezzanotte).
In Cattedrale, dalle 21.30 alle 22.30: ora di adorazione eucaristica comunitaria.


Venerdì 19 aprile
Venerdì Santo

Alle 7.40, in Cattedrale, davanti al Santissimo Sacramento: Ufficio di Lettura e Lodi Mattutine.
Alle 18.30, nella Basilica di San Prospero (da sempre considerata… concattedrale!), il vescovo Massimo presiede la liturgia della Passione del Signore, con ingresso silenzioso e prostrazione davanti all’altare, la proclamazione del racconto della Passione secondo Giovanni, la Preghiera universale con dieci intenzioni e altrettante orazioni del Vescovo, l’Adorazione della Croce, la colletta per le Chiese di Terra Santa e i riti di Comunione (con il pane consacrato la sera prima).
Alle 21.15, con partenza davanti alla Basilica della Ghiara, il Vescovo introduce la tradizionale Via Crucis cittadina e, in Cattedrale, la conclude con un intervento prima dell’adorazione e del bacio della Croce.
* Il percorso della Via Crucis ritornerà, dopo cinque anni, lungo la via Emilia: partenza davanti alla Basilica della Ghiara; corso Garibaldi fino alla piazza Gioberti e poi si risale la via Emilia fino ad arrivare in piazza Duomo per entrare in Cattedrale: qui, dopo la meditazione del Vescovo, ci saranno l’adorazione della Croce e la raccolta per le Chiese di Terra Santa.
* La preparazione dei testi della Via Crucis, a dieci giorni esatti dall’inaugurazione del Giubileo della Ghiara, è stata affidata quest’anno all’UNITALSI e ai VOLONTARI DELLA SOFFERENZA, nello stile della Via Crucis animata nei pellegrinaggi ai santuari mariani. Il canto sarà animato dalla Cappella Musicale insieme ai Cori delle associazioni.

Sabato 20 aprile
Sabato Santo

Alle 7.40, in Cattedrale, Ufficio di Lettura e Lodi Mattutine del Sabato Santo.
Nel Sabato Santo la Chiesa sosta in silenzio e preghiera presso il sepolcro del suo Signore. È l’unico giorno dell’anno in cui non ci sono celebrazioni nelle chiese e l’unico in cui il tabernacolo rimane vuoto (la genuflessione, entrando in chiesa, si fa davanti alla croce esposta il venerdì pomeriggio).

20-21 aprile
VEGLIA PASQUALE

Sabato 20 aprile, a partire dalle ore 21, quando siamo già entrati nella notte (e liturgicamente è già domenica!), in Cattedrale ha inizio la Veglia Pasquale, con la Liturgia della Luce (benedizione del fuoco davanti al Battistero, accensione del cero nuovo e il canto dell’Exultet); la Liturgia della Parola (con il canto del Gloria e lo scioglimento delle campane, l’Alleluia Pasquale e il Vangelo della risurrezione secondo Luca); la Liturgia del Battesimo (quest’anno sono in tutto una quindicina i catecumeni che rinasceranno a vita nuova e riceveranno pure la Confermazione) con il rinnovo delle promesse battesimali di tutto il popolo di Dio (preparato per questo coi 40 giorni della Quaresima); la Liturgia eucaristica (a cui parteciperanno per la prima volta i neofiti). Oltre alla Cappella Musicale e agli Ottoni della Cattedrale, animerà il canto anche il Coro della comunità dei nigeriani, da cui proviene la maggior parte dei candidati al Battesimo.
La liturgia sarà interamente trasmessa in diretta a cura del Centro diocesano Comunicazioni sociali (in streaming sui siti della Diocesi/La Libertà e in televisione su Teletricolore, canale 10).

Pubblicato in Articoli, Slide, Vita diocesana

Lascia un commento