Per ‘Il tè delle Muse’, l’incontro “Il medagliere estense e la figura di Alfonso Ruspagiari”

Stampa articolo Stampa articolo

Domenica 14 aprile, alle ore 16, nel Palazzo dei Musei di Reggio Emilia, nell’ambito della rassegna ‘Il tè delle Muse’, è in programma l’incontro ‘Il medagliere estense e la figura di Alfonso Ruspagiari. Nuove letture alla luce del recente riordino’.

Federico Fischetti, curatore delle Gallerie Estensi, e Virna Ravaglia, storica dell’arte, accompagneranno il pubblico in un’immersione ideale nel medagliere della Galleria Estense di Modena, uno dei più importanti in Italia.

Che cos’è una medaglia, quando e perché si inventa questo nuovo genere artistico che lega il Rinascimento all’antichità classica, sono alcuni degli interrogativi sui quali ci si soffermerà in modo chiaro e documentato.

Dalle medaglie fuse in bronzo fino all’avvento della tecnica di coniazione, il medagliere estense offre innumerevoli spunti di lettura: la celebrazione di regnanti e papi, l’intreccio di figurazioni e iscrizioni, il fascino dell’estrema qualità scultorea racchiusa in piccoli oggetti raffinatissimi e riproducibili in serie. Tutto questo spiega come mai tanti artisti, mecenati e collezionisti si siano dedicati alle medaglie.

Fra i tanti casi possibili degni di attenzione, il contesto reggiano offre lo spunto per raccontare di Alfonso Ruspagiari, figura eminente nel panorama cittadino del pieno Cinquecento. Le sue incomparabili medaglie “pittoriche” si legano a doppio filo al linguaggio di grandi nomi locali come Lelio Orsi e Prospero Clemente, aggiungendo nuove sfumature a questo affascinante capitolo del Manierismo italiano.   

Il medagliere estense è stato oggetto di un lungo lavoro di studio, restauro e digitalizzazione, e ancora fino a domenica 28 aprile, presso la Galleria Estense di Modena, è visitabile la mostra “Galleria metallica. Ritratti e imprese dal medagliere estense”, a cura di Federico Fischetti e Giulia Zaccariotto (catalogo Franco Cosimo Panini, Modena 2018). 

L’ingresso è gratuito e senza obbligo di prenotazione.

 

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura

Lascia un commento