Banner Amazon 120x600

«Nel dialetto la mia verità»

Stampa articolo Stampa articolo

Album d’esordio per il reggiano Marco J Mammi

È appena stato pubblicato sul web l’ultimo pezzo di Marco J Mammi, musicista trentacinquenne, originario di Salvaterra, che scrive e canta in dialetto reggiano. La canzone si intitola “Oh bein, bein” ed è la decima dell’album in fase di pubblicazione, che conterrà anche un inedito. I divertenti video delle altre canzoni originali, pubblicate nei mesi precedenti in rete, hanno ottenuto moltissimi consensi, con una media di 15mila visualizzazioni, con punte fino a 50.000 per alcuni video, diventando in breve tempo virali.

“L’idea – racconta Marco – è venuta per gioco. Io e la mia band, i ‘Summa Brothers’, volevamo fare qualcosa per divertire con la nostra musica, qualcosa di bello… e così è nata la prima canzone, ‘Diotbendesa’ (dedicata alle tigelle, ndr). Una canzone leggera che è piaciuta molto; questo ci ha spinto a creare qualcos’altro di simile”.
Così è partita, circa un anno fa, l’avventura di Marco J Mammi per produrre il suo album d’esordio, composto da 10 pezzi più un inedito, capaci di strappare un sorriso e pubblicati sul web con cadenza mensile. Di ogni canzone Marco ha scritto testi e musica, ha suonato gli strumenti, tranne le chitarre curate da Fabio Debbi. Ha anche seguito la sceneggiatura, la regia e il montaggio dei video che le accompagnano, aiutato da amici e familiari.

“Il video è oggi fondamentale – racconta – ed è un grande valore aggiunto da non sottovalutare.
Io ho scelto di fare dei video didascalici, che raccontano ciò che canto. Nella verità di ciò che sono. è anche per questo ho coinvolto amici e familiari, compresi i miei figli, come attori, ed uso spesso casa mia come set”. Proprio la necessità di dovere fare i conti con la propria verità ha spinto Marco J Mammi a scrivere i suoi pezzi in dialetto reggiano.

Continua a leggere tutto l’articolo di Solange Baraldi su La Libertà del 10 aprile

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura

Lascia un commento