Don Carlo Pagliari illustra la Gmg diocesana

Stampa articolo Stampa articolo

Sabato, a partire dalle ore 20, protagonisti i ragazzi dai 14 ai 19 anni

Nella GMG diocesana dell’anno scorso, partendo dalla Cattedrale ci siamo spostati – attraverso delle attività nelle piazze reggiane – nel Santuario della Ghiara, dove il vescovo Massimo aveva affidato tutti i ragazzi a Maria. Avevamo idealmente fatto questo percorso di avvicinamento ai festeggiamenti giubilari di questo 2019, nel quale si ricordano i 400 anni del trasferimento dell’immagine della Madonna della Ghiara all’interno del nuovo santuario. E sarà proprio questa immagine, e ciò che ad essa si riferisce, a fare da sfondo alla GMG diocesana di quest’anno.

Come sappiamo da Panama, il tema della XXXIV edizione della Giornata dei Giovani è ancora mariano, come negli ultimi due anni: “Ecco la serva del Signore, si compia in me la tua parola” (Lc 1,38). Il difficile equilibro tra parola e ascolto e, per converso, tra mutismo e sordità, sarà il filo conduttore tematico della veglia che vivremo con gli adolescenti (14-19 anni) e il loro educatori e sacerdoti, nella serata di sabato 13 aprile 2019, a partire dalle ore 20.

Partiremo sul sagrato della chiesa di via Garibaldi, ascoltando e guardando la storia (mirabilmente disegnata da Francesco De Benedittis e scritta dal fratello Matteo) di Marchino, ragazzo di 15 anni, sordomuto dalla nascita, che ebbe la vita trasformata proprio dalla preghiera di fronte a quell’immagine benedetta: e da chi imparare l’ascolto e la parola, se non da colei che è maestra nell’ascolto della Parola di Dio, Maria?

Continua a leggere tutto l’articolo di don Carlo Pagliari su La Libertà del 10 aprile

Pubblicato in Articoli, Slide, Vita diocesana

Lascia un commento