Gli uccelli

Stampa articolo Stampa articolo

La prima volta che incontrai il libro Gli uccelli” fu qualche anno fa quando una mia collega lo portò al nido per raccontarlo ai bambini della nostra sezione. Il modo di narrare la storia da parte delle mia collega fu meraviglioso (del resto è molto brava in questo ed io cerco di prendere ispirazione da lei anche tuttora) ed è proprio per tale motivo che mi innamorai di questo testo. Decisi così di acquistarlo per poterlo avere tra i libri che fanno parte della mia libreria personale. Devo ammettere che i Silent Books, ossia i libri senza parole, mi hanno sempre incuriosita, ma ho sempre avuto un po’ di timore nel narrarli poiché non sapevo se sarei stata in grado di raccontare una storia avendo davanti solamente le immagini. Col tempo mi sono avvicinata sempre di più a questo genere di libri e ho piacevolmente scoperto che basta osservare le immagini, lasciarsi andare, lasciare libera la mente, dar sfogo alla propria fantasia e … oplà… il gioco è fatto, la storia vien da sé. Ho capito che la bellezza di questo genere di testi è proprio racchiusa in questo, far emergere l’individualità e la personalità di chi legge, ma anche lasciar libertà di interpretazione a chi ascolta.

Il testo racconta la storia di un signore che con il suo camion rosso va nel deserto per liberare uno stormo di variopintissimi uccelli e, malinconico, li vede andar via. L’uomo si accorge poi di due occhietti che all’interno del camion bucano il buio: un uccellino nero, rimasto indietro. Il camionista condivide con lui il suo pranzo e lo spinge a volare; l’uccellino, infine, ritrova lo stormo che inaspettatamente torna indietro e raggiunge l’omino sulla via del ritorno. Sostenuto dalle zampe degli uccelli l’uomo, vola, realizzando così il suo più grande sogno.

Il libro “Gli uccelli”, nonostante presenti pochissime parole, credo si possa definire comunque un silent book: il testo di Germano Zullo, infatti, è, a mio avviso, di difficile comprensione, poco immediato e appartiene ad un piano di lettura differente da quello legato alle immagini, direi più profondo e per un lettore decisamente più adulto.

Le illustrazioni di Albertine, invece, sono chiare, definite e credo che riescano a trasmettere da sole il significato della storia senza bisogno di nessun altro ausilio, lasciando così spazio a diverse e possibili chiave di letture e storie.

“Gli uccelli”  è un libro adatto ad ogni età, con illustrazioni che rimandano al disegno a matita, che vuole farci riflettere sull’importanza della condivisone, della gratitudine e, soprattutto, sul valore che hanno i “dettagli”, come a dire che le piccole cose sono le più significative e quelle che, in fondo, fanno la differenza.

Gli uccelli” di Germano Zullo, illustrazioni di Albertine, ed. Topipittori, 2015.

Per commentare la rubrica scrivi a silviabolzoni@laliberta.info

Pubblicato in Articoli, Raccontami una storia Taggato con:

Lascia un commento