Reggio celebra Antonio Fontanesi

Stampa articolo Stampa articolo

A duecento anni dalla nascita, mostra ai Musei Civici dal 6 aprile

“Felice l’artista che nasce dopo morto” confidò Antonio Fontanesi a un suo allievo. E la mostra “Antonio Fontanesi e la sua eredità. Da Pellizza da Volpedo a Burri” che Reggio Emilia propone dal 6 aprile al 14 luglio a Palazzo dei musei, a duecento anni dalla nascita dell’artista, è un po’ la storia di una “resurrezione” artistica. Virginia Bertone, Elisabetta Farioli e Claudio Spadoni, curatori della rassegna, si sono posti infatti l’obiettivo di guidare il pubblico alla riscoperta di questo protagonista della pittura dell’Ottocento italiano ed europeo e di documentare la fortuna di Antonio Fontanesi dopo la sua morte: l’influenza che la sua pittura ha avuto negli artisti che dopo di lui si sono riconosciuti nel suo particolare approccio alla natura e al paesaggio, ma anche i suggestivi ‘tramandi’ dell’esperienza romantica che la critica ha voluto ritrovare nell’arte degli anni Cinquanta.

Interprete impareggiabile del paesaggio nelle novità del suo tempo, uomo inquieto nella vita e innovativo sperimentatore nell’arte, fu infatti tra i più intimamente partecipi al movimento romantico europeo e la sua eredità artistica si inoltra nel Novecento, culla della modernità, ed è leggibile sino alla fine del Secolo breve.
“Si tratta di una delle più importanti operazioni culturali – ha detto il sindaco di Reggio Luca Vecchi illustrando la mostra alla stampa – impostate nella nostra città negli ultimi anni. Ed è espressione della nostra volontà di celebrare con una retrospettiva questo importante artista con quell’approccio innovativo che caratterizza i nostri Musei. La mostra segna un altro passo avanti per i Musei che dal 2013 sono stati protagonisti di passaggi che ne hanno ulteriormente elevato il prestigio storico, grazie alla capacità di tenere insieme tradizione e innovazione in mostre calate sulla contemporaneità e grazie al forte legame con la didattica e le scuole”.

Leggi il testo integrale dell’articolo su La Libertà del 27 marzo

Pubblicato in Articoli, Slide, Società & Cultura

Lascia un commento