Pausa pranzo, iniziati gli incontri in Sant’Agostino

Stampa articolo Stampa articolo

Consolidando l’intensa esperienza degli anni passati, anche quest’anno la chiesa seicentesca di Sant’Agostino di Reggio Emilia che affaccia sulla piazzetta del Liceo Classico Ariosto apre le sue porte e protende la sua soglia in occasione della decima edizione di “Pausa Pranzo: non di solo pane…”. 
“Pausa Pranzo” è un momento di condivisione allargato a tutto coloro che sentano, nella agitazione frenetica della corsa quotidiana, la necessità o il desiderio di fermarsi. Nel frammento ritagliato della pausa pranzo che va dalle 13.30 alle 13.50, per venti minuti, lo spirito sarà condotto dagli strumenti dell’arte ad assaporare un nutrimento impalpabile e ristoratore.
A partire da giovedì 21 marzo, per quattro settimane, tutti sono invitati a partecipare a questo breve momento di incontro, occasione per riscoprire il piacere di un tempo rallentato nel quale si potrà stare in ascolto e tendere l’orecchio.

Questa decima edizione di “Pausa Pranzo” ospiterà le opere in legno dell’artista rumeno Popa Eleodor e i testi tratti dalle riflessioni di ragazze nigeriane sbarcate e accolte a Reggio Emilia. Il logo di questa edizione – una barca con croce sulle onde del mare – fa riferimento al simbolo oikoumenikós legato alla parola oikouménē, ovvero terra abitata.

“Pausa Pranzo è un luogo da abitare” si legge infatti nella presentazione e ancora “È un luogo in cui sentirsi bene, un luogo capace di generare nuove amicizie. È una pausa che ci fa assaporare il silenzio. Per imparare l’arte dell’ascolto. Le voci del canto saranno provenienti da diverse terre, abitate da diversi riti. Comunità di passaggio per intrecciare più voci di un coro polifonico dove tutti siamo protagonisti. Unico canto assieme con Ortodossi rumeni e moldavi, Copti egiziani, Ortodossi del patriarcato ecumenico di Bartolomeo e Cattolici”.

Pausa Pranzo vedrà la partecipazione di alcuni musicisti dell’Istituto Diocesano di Musica e Liturgia e del coro “Vaghi Cantori” ed è realizzato in collaborazione con gli studenti del Liceo Classico-Scientifico Ariosto-Spallanzani.

Tutti gli eventi si terranno presso la Chiesa di Sant’Agostino di Reggio Emilia. La facciata, in stile barocco, realizzata in cotto, risale al 1746 su disegno dell’architetto Alfonso Torreggiani e presenta due nicchie con le statue di San Guglielmo e San Nicola da Tolentino. L’interno, composto da una sola navata con volte a botte e a vela, fu completamente rifatto tra il 1645 ed il 1666 su progetto dell’architetto Gaspare Vigarani. 

PROGRAMMA

1° appuntamento / Giovedì 21 marzo 2019 (ore 13.30-13.50)

2° appuntamento / Giovedì 28 marzo 2019 (ore 13.30-13.50)

3° appuntamento / Giovedì 4 aprile 2019 (ore 13.30-13.50)

4° appuntamento / Giovedì 11 aprile 2019 (ore 13.30-13.50)

Chi volesse approfondire ed eventualmente diffondere tra gli amici interessati, troverà in allegato i materiali grafici dedicati all’iniziativa. 

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura

Lascia un commento