La Diocesi dopo gli articoli su don Barge

Stampa articolo Stampa articolo

In merito alle notizie apparse in questi giorni sui giornali e su una televisione locali, relative a don Juan Luis Barge, la Diocesi di Reggio Emilia-Guastalla, attraverso il Vicario Generale monsignor Alberto Nicelli, vuole precisare che il rispetto per le persone implicate ha imposto in questi mesi il silenzio su questa vicenda. Venuto a conoscenza di comportamenti incongrui con il suo ministero, il Vescovo ha chiesto al sacerdote di lasciare immediatamente il suo compito, affidandolo ai superiori della Fraternità San Carlo, che lo hanno sospeso dal suo ministero. Vive ora un periodo di riflessione in Spagna.

Don Stefano Borghi, Segretario del Consiglio Presbiterale, precisa che: non risponde a verità affermare che negli interventi dei presenti all’ultima riunione del Consiglio Presbiterale sia stata citata la vicenda personale di don Barge, tanto meno come motivazione per condizionare eventuali scelte del Vescovo. Il collegamento tra la vicenda di don Barge e la riflessione che il Consiglio Presbiterale sta svolgendo sulla riorganizzazione pastorale del Centro Storico è assolutamente infondato. L’ipotesi di affidare una parte di questa realtà alle cure della Fraternità San Carlo è ancora allo studio e rientra all’interno di una valutazione pastorale che riguarda i prossimi decenni di vita della Chiesa nella città di Reggio Emilia.

Pubblicato in Articoli, Slide, Vita diocesana

Lascia un commento