Reggio Città Universitaria, anche CNA tra i sostenitori

Stampa articolo Stampa articolo

L’associazione degli artigiani e della piccola e media impresa garantirà il proprio contributo all’apertura del terzo polo universitario per il prossimo quinquennio

Anche la CNA reggiana entra nel pool degli sponsor del Progetto UniMoRe 2020 – Reggio Città Universitaria che, guidato dal Comitato Reggio Città Universitaria, prevede l’apertura del terzo polo universitario nella nostra città.

L’associazione, rappresentante dei settori artigianato e piccola e media impresa, ha ufficializzato nei giorni scorsi il proprio sostegno al progetto, che prevede la ristrutturazione dell’immobile di viale Timavo e l’apertura, nell’autunno 2020, del polo che ospiterà circa 2mila persone, tra studenti e personale, e uno studentato con oltre 100 camere.

«L’adesione di CNA – commenta il presidente del Comitato Reggio Città Universitaria, Mauro Severi – rappresenta un grande valore e sappiamo che non sarà l’ultimo. Il mondo dell’artigianato e della piccola e media impresa rappresenta una fetta importante della nostra economia e società locale. Per questo motivo siamo orgogliosi che sia entrata a far parte del pool di sostenitori».

Prosegue ancora Severi: «L’intera città sta comprendendo la portata e il significato di questo progetto, che consiste non solo nel fatto di essere un investimento concreto per il futuro dei nostri figli, delle nostre imprese e della nostra comunità, ma anche di rappresentare un significativo passo in avanti nella crescita intellettuale e innovativa del territorio».

Il neo-sostenitore del Progetto UniMoRe 2020 – Reggio Città Universitaria garantirà un contributo per il prossimo quinquennio. Il logo CNA Reggio Emilia apparirà pertanto nei prossimi giorni lungo viale Timavo nella rosa dei soci e sostenitori.   

CNA va ad aggiungersi ai soci che già hanno aderito e che sono: Regione Emilia Romagna, Provincia di Reggio Emilia, Comune di Reggio Emilia, Camera di Commercio di Reggio Emilia, Fondazione Manodori, Unindustria Reggio Emilia, Confcooperative, Iren, Argo Tractors, Bertazzoni, Comer Industries, Immergas, Maxima, Nexion, Ognibene Power, Padana Tubi, Smeg, Spal Automotive, Rcf e Banca Popolare Emilia Romagna.

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura

Lascia un commento