Torna la Giornata ecologica tra Bagno e Scandiano

Stampa articolo Stampa articolo

É tutto pronto per le pulizie di primavera. La “Giornata ecologica”, promossa da Benassi Srl, torna sabato 16 marzo, dalle 7.30 alle 12. I titolari e i collaboratori dell’azienda reggiana saranno impegnati a ripulire un tratto di strada della nostra provincia della lunghezza complessiva di oltre quindici chilometri.

Il ritrovo è nel piazzale della Chiesa della frazione di Bagno (RE), in via Lasagni 2, da dove si parte armati di sacchi, ramazze, pinze e guantoni, forniti da Iren, per ripulire, metro dopo metro, i cigli della Strada provinciale 52 (via Lasagni) che va dalla frazione di Bagno fino a Scandiano, costeggiando le frazioni di Cacciola, Arceto, Marmirolo e Sabbione, comprese via Anna Frank e via Cantù.

“Questo è il nono anno consecutivo che ci vede impegnati con i nostri uomini, i nostri mezzi e tanta buona volontà per raccogliere la spazzatura abbandonata e bonificare la strada da plastiche e materiali inquinanti, perché siamo convinti che è solo attraverso l’esempio che si può educare e sensibilizzare al rispetto dell’ambiente” spiega Pietro Benassi, titolare di Benassi Srl, che esprime anche un sentito ringraziamento alle amministrazioni dei comuni della provincia che nel corso degli anni hanno accolto la giornata ecologica e, in particolare, all’assessore alle Infrastrutture con delega all’Ambiente del Comune di Reggio Emilia, Mirko Tutino, “che non ci fa mai mancare il suo sostegno e la piena collaborazione per la preparazione dell’iniziativa”.

La giornata ecologica di Benassi testimonia la sensibilità green su cui l’azienda ha sviluppato la propria crescita. Leader nazionale nel settore delle infrastrutture, Benassi Srl, accanto al proprio core business, ha sviluppato infatti una divisione dedicata ai servizi ambientali che comprende un centro autorizzato per lo stoccaggio e la frantumazione dei materiali provenienti dalla demolizione di costruzioni, con il pieno recupero del materiale prodotto per rilevati stradali, oltre ad essere specializzata nell’esecuzione e messa in sicurezza di impianti di depurazione e trattamento delle acque.

Lo sviluppo di un nuovo ramo d’azienda per la riabilitazione delle condotte fognarie, acquedottistiche, gasdotti ed oleodotti, di qualsiasi tipologia e diametro, che tramite l’utilizzo di speciali tecnologie vengono rinnovate in modo non invasivo, cioè senza scavo, quindi a basso impatto ambientale e con notevoli risparmi in termini di tempi e costi, rappresenta un ulteriore tassello di un modo di lavorare ecologicamente sostenibile grazie al quale l’azienda reggiana è riconosciuta a livello internazionale.

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura

Lascia un commento