Uganda, l’impegno dei padri comboniani contro l’indigenza

Stampa articolo Stampa articolo

L’impegno evangelico dei missionari Comboniani in Uganda tocca una delle più gravi crisi relative alla presenza di rifugiati su tutto il continente, mentre crescono povertà e disuguaglianze sociali. Sebbene in Uganda si sia registrato negli ultimi anni un lieve miglioramento degli indicatori economici, resta irrisolto il problema dell’indigenza: “Il governo non pensa al bene di quelli che per noi sono importanti”, dichiara all’Agenzia Fides padre Sebhatleab Ayele Tesemma, missionario Comboniano nell’arcidiocesi di Gulu. “La povera gente, le donne e i giovani sono completamente dimenticati”, aggiunge.

Va ricordato che da oltre 40 anni è missionario in Uganda nel Karamoja – diocesi di Moroto – il reggiano padre Marco Canovi (foto), impegnato attivamente per assicurare migliori condizioni di vita alla popolazione, promuovendo l’agricoltura e l’istruzione e Circa il 65% degli ugandesi vive con meno di 2 dollari al giorno. Solo il 14% ha accesso alla corrente elettrica. La siccità, la crisi in Sud Sudan (tra i maggiori importatori dei prodotti ugandesi), i prezzi elevati delle materie prime, hanno inciso negativamente sull’economia. La maggior parte della popolazione vive di agricoltura, ma solo l’8% ha un impiego regolare. “I pochissimi ricchi diventano sempre più ricchi e la maggioranza povera, resta sempre più povera. Questa è la sfida che noi abbiamo”, rileva il missionario comboniano”. Secondo recenti dati dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati, in Uganda sono circa 1.600 milioni le persone in fuga dal Sud Sudan, Congo, Burundi, Somalia ed Eritrea. Nonostante gli sforzi encomiabili del Paese, oggi le razioni di cibo sono state drasticamente ridotte e le strutture sanitarie sono al collasso.

“La gente è lì e manca di ogni cosa – ha proseguito padre Tesemma – è senza tetto e senza nulla da mangiare”. La mancanza di contributi negli ultimi mesi, sta mettendo a rischio la fornitura dei servizi essenziali: “Solo il 15% delle risorse loro destinate – conclude il missionario – viene destinato ai rifugiati”, soprattutto a causa del fenomeno della corruzione.

Padre Canovi

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura

Lascia un commento