Con Ruini antropologia e cristianesimo

Stampa articolo Stampa articolo

Riflessioni del cardinale insieme agli amici reggiani in occasione dell’88° compleanno

La grande e mai sopita passione per l’insegnamento e la riflessione sulle grandi tematiche filosofiche sono una costante del cardinale Camillo Ruini.
Il tradizionale appuntamento romano con gli amici reggiani per il suo compleanno – quest’anno sono 88 – è stata occasione per due lezioni magistrali il pomeriggio di sabato 16 e la mattina di domenica 17 febbraio alla casa “Bonus Pastor” (si vedano le foto).
La prima ha riguardato “L’uomo misura di tutte le cose”, con una puntuale analisi del rapporto tra umanesimo, scienza e religione. L’altra ha focalizzato il significato storico e politico delle radici cristiane dell’Europa.
Con grande chiarezza espositiva e aggiornata conoscenza delle più recenti pubblicazioni in materia “don Camillo” ha condotto gli ascoltatori – che lo hanno avuto come sicuro “maestro e amico” nei Laureati Cattolici, in Azione Cattolica e negli Studenti Democratici presso il Centro Giovanni XXIII – in un percorso assai impegnativo quanto coinvolgente.

Il forte interesse del cardinale per la filosofia è emerso nettamente dalle due dense relazioni, accompagnate da un ampio e articolato dibattito.
A proposito dell’uomo misura di tutte le cose – la trattazione era partita da Protagora – don Camillo ha ricordato che Giovanni Polo II nell’enciclica Dives in misericordia indica una pista interessante affermando che non bisogna contrapporre, ma unire la centralità dell’uomo e la centralità di Dio.
“In concreto l’uomo, la sua conoscenza e tutte le sue capacità vivono nella storia, sono sempre condizionate dalle circostanze. Nello stesso tempo l’uomo e la sua intelligenza sono animati da un dinamismo illimitato, che si esprime nell’apertura del nostro interrogarci. Questo dinamismo è orientato alla verità e al bene, cioè a conoscere la realtà e a godere di essa. Si tratta dunque di tenere insieme verità e storia”, ha detto il cardinale Ruini.

Leggi tutto l’articolo su La Libertà del 27 febbraio

Pubblicato in Articoli, Vita diocesana

Lascia un commento