Sabato 23 febbraio a Reggio si ricorda Antonio Fontanesi

Stampa articolo Stampa articolo

Da La Libertà del 20 febbraio

Il Comitato per le celebrazioni del Bicentenario di Antonio Fontanesi è apolitico ed è formato da liberi cittadini che intendono valorizzare la figura un po’ dimenticata a Reggio Emilia di Antonio Fontanesi (1818 – 1882), reggiano di nascita, pittore paesista, disegnatore, incisore e docente alle Accademie di Belle arti di Torino, Lucca e Tokyo. Antonio era nato nella casa in via Dante, poi demolita, dove vivevano i genitori, il padre custode e impiegato della Caserma di San Marco, oggi Questura, la madre proprietaria di un osteria.
Il Comitato ha quindi scelto come prima iniziativa un evento nei luoghi fontanesiani che si articola in due parti.
Sabato 23 febbraio alle 18.30 presso la chiesa dei SS. Giacomo e Filippo, parrocchia in cui ha vissuto Antonio Fontanesi i suoi primi 30 anni, sarà celebrata la santa Messa in occasione del 201° anniversario della nascita.
La celebrazione sarà officiata dal parroco don Maurizio Pirola e allietata dal Coro parrocchiale diretto da Elisa Moscatelli.
Al termine della celebrazione verrà letta una breve Commemorazione dell’artista e sarà distribuito ai presenti un pieghevole con la biografia del pittore.

La serata continuerà presso il Ristorante – Trattoria “Il Sipario”, a fianco del Teatro Ariosto, dove il professor Zeno Davoli, esperto di incisioni, terrà una conversazione su Fontanesi e l’incisione, l’acquaforte e la litografia.
La cena a seguire prevede un menù d’epoca fontanesiana, studiato appositamente per l’occasione, al costo di 25 euro a persona.

La partecipazione alla santa Messa è libera ed estesa a tutta la cittadinanza.
Per partecipare alla cena occorre prenotarsi all’indirizzo di posta elettronica bicentenarioantoniofontanesi@gmail.com (inviare e-mail entro il pomeriggio del 23 febbraio) oppure al numero telefonico 349.3127382.

 

Pubblicato in Articoli, Slide, Società & Cultura

Lascia un commento