Circa l’omotransnegatività…

Stampa articolo Stampa articolo

Il Forum contrario alla proposta di legge regionale

Il Forum delle Associazioni familiari dell’Emilia-Romagna interviene con un proprio documento sul Progetto di legge regionale d’iniziativa proposto dai Consigli comunali di Bologna, Parma, Reggio Emilia e San Pietro in Casale (BO) contro “l’omotransnegatività e le violenze determinate dall’orientamento sessuale o dall’identità di genere”. Rispetto alla proposta di legge formulata il Forum Famiglie “esprime un parere fortemente contrario”. Il documento del Forum è stato consegnato mercoledì 13 febbraio durante l’udienza conoscitiva sulla legge regionale, con la partecipazione di rappresentanti del Forum stesso e di alcune delle associazioni che lo compongono. Riportiamo il testo del documento.

La libertà è un diritto di ogni persona: ciascuno gode della libertà di pensiero, di espressione, di credo, di azione, di educazione. Il concetto di cittadinanza si basa sull’uguaglianza dei diritti e dei doveri sotto la cui ombra tutti godono della giustizia. Per questo è necessario impegnarsi per stabilire nella nostra società il concetto della piena cittadinanza, rinunciando all’uso indiscriminato del termine minoranze, che porta con sé i semi del sentirsi isolati e della inferiorità. Questo prepara il terreno alle ostilità e alla discordia, e sottrae le conquiste e i diritti civili e religiosi di alcuni cittadini, di fatto, discriminandoli.

Il FORUM delle Associazioni familiari è contrario a qualsiasi forma di discriminazione, comprese quelle riguardanti l’orientamento sessuale.
La proposta di legge introduce tuttavia una novità che rappresenta paradossalmente una “Discriminazione delle altre Discriminazioni”: tra tutte le discriminazioni esistenti, quella relativa all’orientamento sessuale e all’identità di genere assume in questo modo rilevanza totalmente prioritaria rispetto alle altre. Con questa legge, e con l’introduzione del principio della Omotransnegatività, la semplice affermazione che la pratica dell’utero in affitto è aberrante, o che le coppie omosessuali sono, per loro natura, non fertili, diventa autonomamente un reato: ci sembra francamente una palese violazione del principio, costituzionalmente garantito, di libera manifestazione del proprio pensiero.

Leggi l’intero articolo su La Libertà del 20 febbraio

Pubblicato in Articoli, Associazioni

Lascia un commento