Giornata per la vita consacrata

Stampa articolo Stampa articolo

Il 2 febbraio alle 10.30 il Vescovo presiede la Messa in Cattedrale

Da La Libertà del 30 gennaio

In preparazione alla Giornata per la vita consacrata pubblichiamo la lettera scritta da don Alessandro Ravazzini, vicario episcopale per la vita consacrata e i monasteri.
Prendiamo inoltre spunto da alcuni pensieri di Papa Francesco. “È evidente che occorre fare un discernimento del presente, ma dobbiamo osare frequentare il futuro, senza perdere la nostra memoria”, scrive Papa Francesco nel libro intitolato “La forza della vocazione”. E aggiunge: “Penso a quei preti, a quelle suore, a quei fratelli che lavorano nelle periferie o nel centro delle città. A quelle persone consacrate che non hanno pretese, che non fanno rumore, ma che lavorano senza preoccuparsi.
A coloro che fanno la teologia della vita consacrata vivendola, pregandola. Sono persone che hanno un’umiltà essenziale: sono lavoratori e prendono molto seriamente la loro vita di consacrazione nell’insegnamento, nelle parrocchie, negli ospedali, nelle missioni o ovunque si trovino lavorando al servizio degli altri. Sono davvero persone che danno tutto a piene mani”.

Carissimi/e,
sabato 2 febbraio si celebra in tutta la Chiesa la Giornata per la Vita Consacrata in occasione della Festa della Presentazione del Signore. Il vescovo Massimo presiederà la santa Messa delle ore 10.30 in Cattedrale a Reggio Emilia, durante la quale ricorderemo gli anniversari di professione religiosa di tante nostre sorelle e fratelli che hanno consacrato al Signore la loro intera esistenza.
Vi invito a darmi comunicazione per mail (ravazzini.alessandro@gmail.com) dei nomi di coloro che celebrano un anniversario particolare della prima professione (10 – 25 – 50 – 60 – 70 – 80!).

La liturgia avrà inizio in cripta con il Rito di benedizione delle candele e sarà animata da tutti coloro che possono offrire un qualche servizio in tal senso; in questa cornice così solenne godremo anche dei segni di comunione offerti dai nostri tre monasteri di clausura, che renderanno ancora più ricca e bella la nostra celebrazione.
Approfitto per darvi comunicazione in anteprima di un Ritiro di Quaresima che abbiamo deciso di programmare per la vita consacrata maschile e femminile della nostra diocesi per il pomeriggio di domenica 24 marzo, in luogo e modalità che verranno rese note al termine della celebrazione del 2 febbraio. Vi invito a tenervi liberi/e per questo appuntamento di spiritualità e di fraternità che in tanti di noi desiderano sperimentare con maggior frequenza.
Nella Festa del Battesimo del Signore, che ci ricorda la sorgente e il senso profondo della nostra consacrazione, ricordiamoci vicendevolmente al Signore perché ci conceda di vivere sempre nel Suo amore.
Tutti/e benedico di cuore.

Alessandro Ravazzini

Pubblicato in Articoli, Slide, Vita diocesana

Lascia un commento