Celebrazioni per l’anniversario della battaglia di Nikolaiewka

Stampa articolo Stampa articolo

Domenica 3 febbraio prossimo gli alpini si radunano a Montecchio per ricordare la battaglia di Nikolajevka dove morirono 11.000 soldati e dove il Gen. Reverberi, con il suo coraggio riuscì a salvare i nostri soldati e a riportarli a casa

Quest’anno ricorre il 76° anniversario della Battaglia di Nikolajewka, del 26 gennaio 1943, durante la quale il generale Luigi Reverberi mise in salvo 30mila alpini asserragliati e pressoché disarmati.

Domenica 3 febbraio si terranno le celebrazioni per ricordare questo anniversario, celebrazioni organizzate dalla sezione Alpini di Reggio, dal Gruppo Alpini di Cavriago, dal Gruppo Alpini di Montecchio-Canossa, dai Comuni di Cavriago e Montecchio.

Fra l’altro quest’anno ricorre anche il 65° dalla morte, a Milano, del generale Reverberi. Era il 22 giugno 1954. Figlio del farmacista di Cavriago Torquato Reverberi e di Domenica Balzani, nacque il 10 settembre 1892. I nomi del generale Reverberi e quello della sua divisione Tridentina (di cui era Cappellano colui che fu poi il Padre dei Mutilatini, Don Carlo Gnocchi) sono legati a quella storica battaglia durante la quale Reverberi guidò, al grido di “Tridentina avanti”, gli Alpini alla salvezza superando lo sbarramento dell’esercito sovietico. Valse al generale Reverberi la Medaglia d’Oro al Valor Militare.

Il programma delle celebrazioni prevede il ritrovo domenica alle 8,45 a Montecchio, nel piazzale della Madonna dell’Olmo, alle 9 si terrà la Santa Messa, alle 10,15 partirà il corteo verso il cimitero locale per gli onori alla tomba del generale Luigi Reverberi. Alle 11,30 ci si sposterà a Cavriago con ritrovo in Piazza Zanti per la deposizione dei fiori davanti alla casa natale del generale, alle 11,45 partirà la sfilata per le vie del paese per raggiungere il monumento in memoria di Reverberi e dei caduti di tutte le guerre alla Pianella con, alle 12,30, l’onore ai caduti e il discorso delle autorità. A seguire ci sarà il pranzo presso il ristorante “La Casa dei Bardi” adiacente al monumento.

Info e prenotazioni: Zurli, cell. 3487062991 – Fioroni cell. 3383723443, info@zurlimangimi.it

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura

Lascia un commento