In ascolto della Parola

Stampa articolo Stampa articolo

Ritiro per 120 tra educatori e ragazzi

La prima domenica di Avvento nel calendario diocesano, da tanto tempo, è per l’Acr (Azione Cattolica Ragazzi) l’inizio importante di un tempo forte con una bella giornata di ritiro all’Oratorio cittadino.
“Secondo la Tua Parola” era lo slogan scelto dall’Acr nazionale a guida della giornata ed era scritto in tanti punti dell’Oratorio. Nella provocazione iniziale gli educatori, facendoci anche divertire, hanno spiegato ai ragazzi che le parole sono tante, a volte sono troppe, ma se è la Parola del Signore va ascoltata in silenzio e va tenuta nel cuore.
Così i ragazzi, guidati da tanti relatori – il nostro don Gabriele Valli, suor Lisa, i seminaristi Alessandro e Bernardo, Chiara, un’insegnante di religione di Gualtieri e fra Daniele – hanno iniziato un viaggio importante tra le parole che vengono dette da tutti e la Parola, quella di Dio, che rimane nel cuore.

La giornata era bigia come si conviene ad una giornata di dicembre, ma ha permesso ai ragazzi di giocare nel campo per il tempo libero e di gustare l’immancabile cioccolata che la nostra Sara con Samuele e Luca preparano a fiumi. I ragazzi hanno ricevuto il libretto dell’Acr per il cammino quotidiano di preghiera del tempo di Avvento e poi tutti al Regiò per la santa Messa.
Albino, nostro generoso collaboratore, aveva rimesso a nuovo proprio per noi il teatro che da otto mesi è chiuso ed i ragazzi hanno potuto vivere una bellissima Messa insieme .
Don Gabriele ha donato la tessera di adesione all’Azione Cattolica Ragazzi a tre ragazzi di Santa Vittoria, Sant’Antonio e Mandrio di Correggio, come invito a continuare il cammino iniziato, ricordando che la tessera di adesione è un impegno a essere dei ragazzi in gamba che insieme vogliono diventare grandi seguendo il Signore.
Sul palco erano ben visibili i cesti dei doni che sempre prepariamo da portare a casa; quest’anno il dono era un quadretto in legno, preparato dai ragazzi dell’équipe, ben adornato con scritta la preghiera del vecchio Simeone che ha saputo riconoscere in quel bambino povero il figlio di Dio. Il quadretto avrà trovato posto nel presepe dei ragazzi per la preghiera della sera in famiglia.

Continua a leggere l’articolo di Èquipe Acr su La Libertà del 19 dicembre

KODAK Digital Still Camera

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura

Lascia un commento