Dagli aspiranti ingegneri del veicolo a 47 ragazzi delle medie

Stampa articolo Stampa articolo

Dopo i 22 aspiranti ingegneri del corso di laurea magistrale “Advanced Automotive Engineering”, in visita nello stabilimento a metà del mese scorso nell’ambito del loro percorso di specializzazione, 

la Kaitek Flash Battery di Calerno ha nuovamente aperto le porte al mondo della scuola.

A visitare l’azienda produttrice di batterie al litio per macchine industriali e veicoli elettrici, sono stati 47 studenti delle seconde classi della scuola media Fontanesi di Reggio Emilia, alla scoperta di laboratori di ricerca e ambienti in cui nascono prodotti orientati all’uso di energia pulita che in pochi anni si sono affermati sui mercati di 54 Paesi.

“Questa visita – sottolinea Marco Righi, CEO di Kaitek Flash Battery – è parte ormai consolidata della nostra collaborazione con la scuola nell’ambito dell’iniziativa “Industriamoci-PMI Day”, che ogni anno vede tante piccole e medie imprese associate a Unindustria aprire le porte ai giovani”.

“Sebbene sullo sfondo rimanga sempre l’obiettivo di un incontro fra mondo della scuola e dell’impresa – prosegue Righi – è evidente che con gli studenti più giovani il tema principale è quello dell’energia pulita e delle tante applicazioni che trovano nella vita quotidiana le fonti rinnovabili, mentre con gli studenti adulti ci si concentra maggiormente su aspetti più tecnici che arricchiscano il loro percorso di studi e, contemporaneamente, creino i presupposti per formare ingegneri, periti industriali e altre figure tecniche che siamo i primi a ricercare e che sono tutt’altro che di facile reperimento”.

L’azienda di Calerno – che recentemente ha ricevuto il “Premio Sostenibilità 2018” dall’Agenzia per l’Energia e lo Sviluppo Sostenibile a nome del pool di aziende europee che ha lanciato un nuovo progetto di car sharing elettrico – ha fortemente incrementato l’occupazione proprio nel 2018, passando da 27 a 44 dipendenti (età media inferiore ai 40 anni) e ad un fatturato di 12 milioni rispetto ai 6,5 del 2017.

Sempre in tema di rapporti con il mondo della scuola, l’azienda è stata tra le imprese protagoniste della “Notte di Leonardo”, l’evento organizzato dall’ITIS Leonardo da Vinci di Parma, la stessa scuola sui cui banchi si è formato il CEO Marco Righi.

Pubblicato in Articoli, Associazioni

Lascia un commento