Il Salone dell’orientamento fa tappa in provincia

Stampa articolo Stampa articolo

Si bissa domani pomeriggio nei distretti di tutta la provincia – dopo il solito, ottimo successo della giornata “cittadina” che due sabati or sono ha registrato circa settemila presenze nella sede dell’Università in viale Allegri – “La Provincia che orienta: scegli la tua strada”, il Salone dell’orientamento promosso dalla Provincia di Reggio Emilia per aiutare i circa 5.100 ragazzi di terza media, e le loro famiglie, nella fondamentale  scelta della scuola superiore.

Domani, sabato 15 dicembre il Salone dell’orientamento si svolgerà dalle 14.30 in poi a Guastalla (istituti Russell e Carrara, via Sacco e Vanzetti 1),  Castelnovo Monti, dove l’attività di presentazione di Cattaneo-Dall’Aglio e Mandela è prevista all’oratorio “Don Bosco”; Montecchio (istituto D’Arzo, via per Sant’Ilario 28/c ); Scandiano (istituto Gobetti, via della Repubblica 41) e Correggio (liceo Corso in via Roma 15, convitto Corso in via Bernieri 8 e istituto Einaudi in via Prati 2).

A ognuno dei circa 5.100 ragazzi in uscita dalle scuole medie verrà poi consegnata anche quest’anno, entro mercoledì, unaguida curata dal servizio di orientamento Polaris della Provincia con tutte le informazioni utili per conoscere le nostre scuole e la loro offerta formativa. 

“La scelta della scuola superiore è un momento importante per gli studenti e le loro famiglie, chiamati a una decisione che va ponderata con attenzione, valutando gli interessi e le potenzialità di ogni ragazzo al fine di individuare la scuola migliore per esprimere il talento che è in ognuno di noi, assicurandone così il successo formativo – sottolinea la vicepresidente della Provincia di Reggio Emilia, Ilenia Malavasi –  In questa provincia ci sono ottime scuole, che offrono indirizzi e curricula diversificati. Conoscerli in maniera approfondita, confrontandosi con chi vi insegna, ma anche con chi vi sta studiando, è fondamentale per compiere la scelta migliore”.

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura

Lascia un commento