COMPITIAMO, il progetto doposcuola del Cenacolo Francescano

Stampa articolo Stampa articolo

Come molti di voi hanno saputo, venerdì 26 ottobre si è svolto presso l’Aula magna dell’Università di Reggio il convegno intitolato “Siamo tutti sotto lo stesso cielo”.
Il pensiero di realizzare questo evento è nato dal desiderio di CONDIVIDERE ciò che ogni giorno noi sorelle del Cenacolo, insieme agli educatori e ai volontari che ci affiancano, vediamo con i nostri occhi, gustiamo con il nostro cuore e tocchiamo con le nostre mani.
“Siamo tutti sotto lo stesso cielo”: il titolo dato al convegno è nato dall’opera d’arte che l’artista reggiano Angelo Davoli, insieme alla moglie Cristina Bolognesi, ha donato nel 2007 al Cenacolo. Il cammino della vita di ognuno è fatto di momenti belli, sereni ed altri più faticosi, in salita: possiamo dare nomi diversi alle esperienze che viviamo, ma alla fine è sempre vero che “siamo tutti sotto lo stesso cielo”.

Non solo: i volti dei bambini e dei ragazzi che frequentano ora il Cenacolo – nel progetto doposcuola COMPITIAMO – hanno colori diversi, storie diverse e ci ricordano che “siamo tutti sotto lo stesso cielo” quindi, tutti chiamati a camminare insieme, a divenire sempre più solidali e attenti gli uni agli altri…
Alcuni docenti universitari e alcuni insegnanti delle scuole con cui collaboriamo ci hanno accompagnato, con entusiasmo e competenza, nella preparazione del convegno e proponendo riflessioni molto attuali inerenti all’integrazione e all’accoglienza.
Come abbiamo fatto al convegno, vorremmo condividere anche con voi alcuni aspetti che ci sembrano importanti: è bello infatti risaltare il bene che esiste intorno a noi, come è entusiasmante condividere la ricchezza che “la diversità e la piccolezza”, così temute nella società attuale, ci donano.

Il Cenacolo Francescano è una realtà ben conosciuta a Reggio Emilia, in quanto ha una lunga storia di Accoglienza. Tutto è nato nel 1924 dal cuore grande di un frate cappuccino, padre Ruggero Dallara. Colpito nel profondo dalla sofferenza concreta di bambini molto piccoli, iniziò, con l’aiuto delle prime sorelle, ad accoglierli al Cenacolo Francescano.
Nel tempo, l’attenzione ai cambiamenti e di conseguenza ai diversi bisogni dei più piccoli ha determinato la nascita di sempre nuovi servizi : Orfanotrofio, Comunità di Accoglienza e dal 2012, a seguito di profondi cambiamenti sociali (forte flusso immigratorio, crisi economica, nuove forme di povertà) un Progetto di doposcuola rivolto a bambini e ragazzi che frequentano le scuole primarie e secondarie di primo grado del nostro territorio.

Leggi tutto l’articolo a firma Le sorelle del Cenacolo Francescano su La Libertà del 14 novembre

Pubblicato in Articoli, Associazioni

Lascia un commento