Cinquanta attori di nove nazionalità diverse: il racconto di Argonauti del Teatro dell’Orsa

Stampa articolo Stampa articolo

Molti fra i protagonisti narreranno il viaggio dello spettacolo corale che dal debutto, avvenuto nel 2017, continua a ottenere autorevoli premi e riconoscimenti. Ingresso libero e gratuito: tutti sono benvenuti.

Buone notizie: martedì 13 novembre alle ore 21 alla Multisala Novecento di Cavriago, a pochi chilometri da Reggio Emilia, il Teatro dell’Orsa presenterà Racconti Migranti. Argonauti, tappe di un viaggio.

Bernardino Bonzani, Ezekiel Ebhodaghe, Monica Morini, Djibril Cheickna Dembélé, Annamaria Gozzi, Lucia Donadio e altri protagonisti racconteranno l’azione teatrale messa in scena da cinquanta attori di nove nazionalità diverse e il suo significato civile e sociale.

La performance itinerante Argonauti del Teatro dell’Orsa, realizzata a conclusione di un articolato progetto già vincitore del bando MigrArti 2017 del MiBAC e segnalato dal Consiglio d’Europa nel focus Cités interculturelles tra gli eventi che contribuiscono concretamente a fare intercultura nel continente, ha vinto l’autorevole Premio per la Pace Giuseppe Dossetti 2017. A partire da questo progetto poetico e politico è stato anche realizzato un omonimo docu-film, con la regia di Alessandro Scillitani.

«Il teatro, la letteratura sanno intercettare un cambiamento epocale? Lo sanno tradurre? Viviamo un tempo buio di sospetti che accendono paure, di chiusure, di perdita di umanità. Non ci salveranno i fili spinati, per tessere futuro occorre un filo nuovo, limpido che intreccia ascolto e memoria, che porta al riconoscimento dell’altro come risorsa e non come fardello. Le storie ci dicono chi siamo e ci allenano alla vita. Il Mito antico ci interroga, ci chiede da dove veniamo e dove vogliamo andare. Gli Argonauti e la letteratura della migrazione diventano trama viva negli occhi di giovani attori rifugiati, di registi e scrittori. Il teatro fa lo sgambetto ai pregiudizi e con un soffio ci mette davanti alla verità nuda. Ogni vita è una vita. Ogni vita vale» suggeriscono gli artisti del Teatro dell’Orsa «L’appuntamento a Cavriago sarà un modo di raccontare quanto è stato fatto ma anche un’occasione per guardare al futuro: il processo iniziato svela radici nuove e il vento nella nave di Argo continua a soffiare. Noi non abbiamo smesso di lavorare insieme».

Ingresso libero e gratuito: tutti sono benvenuti.

La Multisala Novecento si trova in Via del Cristo 5 a Cavriago (RE).

È consigliata la prenotazione al numero 334 2894805.

L’iniziativa si colloca nell’ambito di Metti che domani a Cavriago…, percorso che si apre con Argonauti.  Metti che domani a Cavriago… è un cantiere aperto ad idee, riflessioni e suggestioni sul futuro della nostra comunità aperto a tutti coloro che desiderano dare un contributo concreto alla costruzione del futuro. Si organizzeranno iniziative e momenti pubblici capaci di stimolare il confronto, il dibattito e la relazione tra le persone. Informazioni più dettagliate sul percorso sono disponibili alla pagina Facebook Metti che domani a Cavriago…: https://www.facebook.com/mettichedomaniacavriago/.

Info sul Teatro dell’Orsa: http://www.teatrodellorsa.com/.

Pubblicato in Archivio

Lascia un commento