Unindustria Reggio Emilia ha portato 800 studenti allo show Orientattivamente

Stampa articolo Stampa articolo

Per la prima volta nella nostra provincia lo spettacolo interattivo dedicato all’orientamento scolastico.

Grande successo per lo spettacolo didattico “Orientattivamente” che Unindustria Reggio Emilia – attiva da anni sui temi dell’education e formazione – ha portato per la prima volta nella nostra provincia.

Lo spettacolo che si è tenuto presso il Centro Internazionale Loris Malaguzzi. ha coinvolto 800 studenti delle classi terze medie degli istituti Fermi, Lepido e Pertini di Reggio Emilia, oltre alle scuole di Casalgrande, San Martino Correggio.

Condotto dalla compagnia Teatroeducativo.it lo show è stato di grande efficacia nell’introdurre i concetti orientativi di base in modo divertente e stimolante grazie ad animazioni multimediali, momenti di interazione e contributi di psicologi e responsabili dell’orientamento.

Fondamentale è stato il contributo di Unindustria Reggio Emilia per contestualizzare la scelta della scuola superiore tenendo conto dell’evoluzione del mondo del lavoro e della domanda di competenze che le imprese del territorio manifestano.

Lo spettacolo ha richiamato i dati relativi al settore manifatturiero, alle competenze richieste e ai profili di difficile reperimento, primi fra tutti diplomati e laureati di discipline tecnico-scientifiche.

A ulteriore conferma del suo valore, l’iniziativa è stata inserita nel programma della prima edizione provinciale del Festival della Cultura Tecnica.

All’evento hanno partecipato Daniela Fantozzi, vicepresidente Unindustria Reggio Emilia con delega alla Piccola Impresa e Ivano Parmigiani, presidente Gruppo Materie Plastiche dell’Associazione, che si sono confrontati con i giovani studenti riducendo il gap comunicativo fra le diverse generazioni.

Lo show si inserisce nell’ambito dei progetti di Unindustria Reggio Emilia per la scuola e a supporto della diffusione della cultura tecnica che coinvolgono i ragazzi dalla scuola primaria all’Università.

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura

Lascia un commento