Guastalla, festa con il Vescovo nella solennità di san Carlo Borromeo

Stampa articolo Stampa articolo

Sabato 3 novembre la Messa in Concattedrale alle 18.30 nella solennità di san Carlo (compleanno di Camisasca) e al termine inaugurazione del nuovo Archivio diocesano

Da La Libertà del 31 ottobre

Sabato 3 novembre il vescovo Massimo presiederà l’Eucarestia alle ore 18.30 nella Concattedrale di Guastalla nella solennità di san Carlo Borromeo. Nell’occasione il pastore ricorda due importanti traguardi: il suo settantaduesimo compleanno – essendo nato a Milano il 3 novembre 1946 – e il quarantatreesimo anniversario di ordinazione sacerdotale, ricevuta a Bergamo il 4 novembre del 1975. La vita di Massimo Camisasca, in questo modo, si intreccia in maniera significativa con un grande santo legato alla sua città natale, Milano, e ricordato ogni anno il 4 novembre: san Carlo Borromeo. È facile quindi intuire il motivo per il quale al venerato santo di Arona è affidata la Fraternità sacerdotale fondata da monsignor Camisasca nel 1985.

Dopo la celebrazione della santa Messa seguirà poi l’inaugurazione della nuova sede dell’Archivio ecclesiastico della già Diocesi Guastallese. L’archivio (si vedano le foto sottostanti) è suddiviso in quattro sale di deposito, due delle quali adibite anche a consultazione; nelle prime due sale si conservano gli archivi delle parrocchie ex guastallesi che ci sono stati affidati in custodia (restando sempre la proprietà delle rispettive parrocchie); nella terza sala sono custoditi gli archivi diocesano e abbaziale, mentre l’archivio del seminario e il capitolare sono conservati nella quarta sala. Altre notizie vengono da don Augusto Gambarelli, archivista diocesano: “Stiamo raccogliendo – spiega – anche una biblioteca di volumi riguardanti la storia del Guastallese. Le due sale di consultazione sono così predisposte: una con una serie di tavoli dotati di computer per poter visionare il materiale già informatizzato (documentazione anagrafica), l’altra per la consultazione del materiale cartaceo”.

 

Pubblicato in Articoli, Slide, Vita diocesana

Lascia un commento