La vitalità dell’Ordine del Santo Sepolcro

Stampa articolo Stampa articolo

A Milano accolti 25 membri, fra cui il guastallese Luciano Alfieri

Se la fecondità e la vitalità di un Ordine Pontificio si giudica dal numero dei propri Cavalieri e Dame, si può ben dire che l’Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme (OESSG) sia uno dei più attivi e dimanici, con i suoi circa 30.000 membri attivi in tutto il mondo. Come si sa, sono la carità e la fedeltà alla Chiesa i valori che contraddistinguono quest’Ordine, attivissimo nel sostegno della Terra Santa e alle tante missioni cattoliche del Medio Oriente.

Nei giorni di venerdì 19 e sabato 20 ottobre, presso la Chiesa di Santa Maria della Pace, a Milano, sede della Luogotenza dell’Ordine dell’Italia Settentrionale, ben 25 nuovi membri, tra Cavalieri, Dame e Sacerdoti, hanno ricevuto la solenne investitura. La Delegazione reggiana era presente con un proprio “candidato ammittendo”, il guastallese Luciano Alfieri, che ha solennemente ricevuto le insegne di Cavaliere.
Il rito ufficiale prevede che, precedentemente alla Investitura, vi sia un intimo e impegnativo momento di riflessione e di preghiera, chiamato Veglia d’Armi, che si è svolta il pomeriggio di venerdì 19 ottobre. Durante lo svolgimento della santa Messa, al candidato viene chiesto di giurare pubblicamente sui Vangeli, la propria fedeltà a Cristo, alla Chiesa e all’Ordine, apponendo la propria firma su di un registro che viene custodito gelosamente dalla Luogotenenza. Solo dopo questo atto, non certamente formale, ma di impegnativa e vincolante responsabilità, avviene la solenne Investitura. Il giorno appresso, sabato 20 ottobre, si è svolta la solenne celebrazione alla presenza dei Confratelli venuti da tutto il Nord Italia, le Autorità dell’Ordine ed i famigliari dei candidati.

Quest’anno a Milano, a presenziare, vi era l’eccezionale presenza dei vertici dell’Ordine: il Gran Maestro, S.E.R. il cardinale Edwin Fredrick O’Brien, arcivescovo di Baltimora, il Luogotenente Generale, S.E. Cav. di Collare Prof. Conte Agostino Borromeo, il Governatore Generale, S.E. Cav di Collare Amb. Conte Leonardo Visconti di Modrone.

Continua a leggere l’articolo di Giuliano Bagnoli (Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme Delegazione di Reggio Emilia) su La Libertà del 31 ottobre

Pubblicato in Articoli, Vita diocesana

Lascia un commento