Luigi Sidoli è il nuovo direttore di Confagricoltura di Reggio Emilia

Stampa articolo Stampa articolo

Insediatosi lunedì in via dell’Aeronautica, ha ricoperto la stessa carica per vent’anni nell’associazione di Piacenza, sua città natale.

Reggio Emilia, 2 ottobre 2018 – Luigi Sidoli è il nuovo direttore di Confagricoltura Reggio Emilia. Originario di Piacenza, dove per vent’anni ha diretto l’associazione provinciale, si è insediato lunedì in via dell’Aeronautica, succedendo a Roberto Iotti.

Cinquantacinque anni, coniugato, laureato in Scienze Agrarie all’Università Cattolica di Piacenza, Sidoli vanta alle proprie spalle una lunga esperienza nel comparto agroalimentare e agricolo emiliano, dapprima nel settore dell’industria di trasformazione e della cooperazione agricola in Conserve Italia e, successivamente, alla direzione di Confagricoltura Piacenza.

Il nuovo direttore, nominato dal Comitato di presidenza dell’Associazione, dichiara: «La nostra linea di condotta sarà indirizzata ad attuare le politiche della dirigenza, finalizzate al consolidamento e allo sviluppo dell’organizzazione, nell’interesse della tutela sindacale ed economica delle imprese associate. È con grande orgoglio che ho accettato questa sfida, consapevole del prestigio dell’organizzazione che vado a dirigere, in un contesto che dal punto di vista agricolo si conferma leader a livello regionale, numeri alla mano».

Il presidente dell’associazione, Marcello Bonvicini, riconfermato ad agosto scorso per il suo secondo mandato consecutivo 2018-2021, afferma: «Ci affidiamo con fiducia alla grande esperienza del direttore Sidoli per proseguire e consolidare il nostro lavoro in favore sia degli associati, sia del territorio di Reggio Emilia e provincia».

Confagricoltura Reggio Emilia conta circa un migliaio di aziende agricole associate, oltre a 200 proprietari di beni affittati, e 30mila ettari di superficie agricola, che corrisponde al 30% della superficie provinciale. Nel 2017, nella sede di lavoro di via dell’Aeronautica, sono state registrate 130mila ore di lavoro da parte di dipendenti (operai e impiegati), che corrispondono al 50% del totale lavorato in provincia di Reggio Emilia.

 

Pubblicato in Articoli, Associazioni

Lascia un commento