Ultimo appuntamento con “Storia sotto le stelle” a Rossena

Stampa articolo Stampa articolo

Il 28 settembre prossimo alle ore 21 nel magnifico scenario della rocca di Rossena si conclude il tradizionale ciclo di serate “Storia sotto le stelle”, organizzato dall’Associazione culturale Matilde di Canossa in collaborazione con la Società Reggiana di Studi Storici. Al termine piccolo buffet sotto le stelle.

Mariachiara Bianchi, storica dell’arte presso il Museo Glauco Lombardi di Parma, interverrà su Il “pittore degli alberi” e i castelli matildici: Paolo Ferretti tra Canossa e Rossena.

Del pittore Ferretti scriveva il Balletti che fu “… il più locale paesista che si possa immaginare: per lui non esistettero né le Alpi, né il mare, né le cascate candide dei fiumi, né lo specchio limpido dei laghi; vide e ritrasse il territorio reggiano, anzi quella parte che si stende da valle di Pieve Modolena fino ai colli, a Quattro Castella, a Rossena, a Canossa, alla Pietra di Bismantova e al Cusna, ultima Tule delle sue visioni e dei suoi studi … Quella breve zona egli la cercò con la cura di un innamorato”.

Nato il 12 settembre 1822 a Cavazzoli, il Ferretti studiò paesaggio alla scuola reggiana di disegno, avendo come maestri Minghetti e Giovanni Fontanesi. Socio corrispondente dal 1875 dell’Accademia Raffaello di Urbino, partecipò con buoni risultati a mostre nazionali e fu premiato nel 1888 all’Esposizione Vaticana in occasione del Giubileo Sacerdotale di papa Leone XIII per un suo quadro rappresentante “Gli avanzi del Castello di Canossa” (Da Reggio Storia n.159, giugno 2018).

Paolo Ferretti, Castello di Rossena

Mariachiara Bianchi – Curriculum breve

Laureata con lode in Conservazione dei Beni Culturali all’Università di Parma sotto la guida del prof. A. Cecchi, direttore del Dipartimento Pittura degli Uffizi, ha tenuto conferenze presso British Museum e National Gallery di Londra sull’argomento della tesi di laurea (ricostruzione della collezione di quadri appartenuti a Sir Henry Layard, poi confluita alla National Gallery).

Ha conseguito il patentino da guida turistica con particolare attenzione alla storia matildica, naturale sviluppo dell’interesse al territorio già esplicitato durante gli anni universitari nella collaborazione alle visite e agli eventi organizzati presso i castelli di Rossena e Canossa.

Dal 2004 al Museo Glauco Lombardi di Parma si occupa della ricerca scientifica sulle collezioni, riordino e studio di diversi fondi archivistici, comunicazione e grafica, dell’ideazione e realizzazione degli eventi e delle mostre. Collabora con la sua rubrica Le carte parlanti alla rivista Reggio Storia.

 

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura

Lascia un commento